Carlo Goldoni
Il buon compatriotto

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Pantalone e dette.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Pantalone e dette.

 

PANT. Coss'è sto strepito? Cossst'istoria?

COST. Sior Pantalon, la reverisso. (sdegnata)

PANT. Coss'è, patrona? Con chi la gh'ala? (a Costanza)

ISAB. Niente, niente. Si è alterata per una cosa da niente.

COST. Gnente la ghe dise? Mi ghe digo qualcossa, patrona.

PANT. Cossa xe stà? Cossa xe successo?

ISAB. (Usate prudenza, signora Costanza). (piano)

COST. Cossa vorla che usa prudenza? La doveva usar ela prudenza; e no far l'amor a Livorno con un forestier, e no darghe parola senza saputa de so sior padre.

PANT. Coss'è sto negozio?

ISAB. Mi maraviglio di voi...

COST. E mi me maraveggio de ela. Che le putte no le ha da far de ste cosse; e mi, co son stada putta, son stada sotto obbedienza, e m'ho maridà co mio padre ha volesto che me marida, e ho tiolto quel mario che el m'ha . E adesso son vedua, e sior Ridolfo Gnignizoccoli, Cicciabroccoli, el xe in casa mia, el m'ha parola a mi, e el me sposerà mi. Patrona riverita. (Tiò suso). (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License