Carlo Goldoni
Il buon compatriotto

ATTO PRIMO

SCENA SETTIMA   Pantalone e Isabella.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Pantalone e Isabella.

 

ISAB. (Povera me! ora mi aspetto mille mortificazioni mille rimproveri).

PANT. (Ho scoverto una bella cossa. No credeva mai che custia me fasse una bassetta de sta natura).

ISAB. (Negar non posso la verità, e non mi giova nasconderla, avendo in animo di voler sostenerla).

PANT. (Me vegneria voggia de chiaparla per el collo e darghene tante fin che la bùlega. Ma no: voggio usar prudenza, voggio provar de venzerla co le bone).

ISAB. (Che mai vuol dire ch'egli non parla? Questo suo silenzio mi fa maggiormente temere).

PANT. (Pol esser che fazza più co le bone, che co le cattive. Pol esser che la rason possa più dei manazzi). Isabella. (chiamandola dolcemente)

ISAB. Signore. (mortificata)

PANT. Xe vero quel che ha ditto siora Costanza?

ISAB. Ah signore, vi domando perdono. Pur troppo è la verità. Confesso una colpa commessa, posso dire, senza avvedermene. La libertà che avevasi in casa di mio zio, mi ha fatto conoscere e mi ha permesso trattare un giovane cavaliere. A poco a poco ho concepita per lui della stima. La stima è divenuta amore e non ho potuto resistere alle sue finezze, e ho acconsentito a promettergli d'esser sua consorte. Conosco ora l'errore, lo detesto, mi pento, e un'altra volta vi domando perdono.

PANT. Cara la mia cara fia, ti xe pur una putta de garbo, ti gh'ha giudizio, ti gh'ha del dottorezzo tanto che fa paura, e no ti ha visto, no ti ha pensà, che una putta savia, che una putta civil no pol disponer senza so padre, né s'ha da impegnar senza dipender dai so maggiori?

ISAB. Vi giuro, signore, che mille volte ho fatte simili considerazioni, ed altrettante ho risolto di fare il dover mio, e di allontanare da me il pericolo che mi sovrastava; ma, ohimè, ha saputo vincermi con tal arte quell'amabil insidiatore, che non ho potuto resistere alle sue preci, alle sue lusinghe.

PANT. Vien qua, séntite qua. Ti sa che te voggio ben. Séntite qua, te digo. (siedono)

ISAB. Voi siete per me amoroso, ed io non merito tanta bontà.

PANT. Dime tutto, confideme tutta la verità. Che impegni gh'astu co sto sior cavalier?

. Di dar a lui la mano di sposa, e di non isposare altri che lui.

PANT. Aveu fatto scrittura?

ISAB. Non signore; siamo unicamente in parola; ma sapete benissimo che la parola d'una fanciulla d'onore...

PANT. Oh siora sì, co se tratta de sta sorte de impegni, se mette in campo la parola d'una fanciulla d'onore. Disème un poco: gh'aveu altro debito che de parole?

ISAB. Non altro.

PANT. Se porlo vantar de gnente de vu?

ISAB. In che proposito, signore?

PANT. Oh via, no me fe la semplice, e no me oblighè a parlar più chiaro de quel che parlo. Che confidenza gh'aveu a sto sior?

ISAB. In questo poi, siate certo che ho usato sempre il più onesto e il più rigoroso contegno.

PANT. Benissimo. Co l'è cussì, no gh'avè scrittura, no gh'avè certi impegni, a Livorno gieri in t'una spezie de libertà: qua ghe xe vostro padre; vostro padre ve pol comandar; co mi no voggio, sta gran parola no la podè mantegnir, e sto sior foresto, o per amor o per forza, bisognerà ch'el la tegna, e ch'el ve lassa in pienissima libertà.

ISAB. Non è possibile; non lo farà mai.

PANT. Lassème l'impegno a mi; lassè che con elo me destriga mi.

ISAB. Ah signor padre.

PANT. Cossa gh'è?

ISAB. Per amor del cielo, non v'irritate.

PANT. Poverazza! ghe volè ben, innamorada, nevvero?

ISAB. Pur troppo son costretta a manifestarvi una tal verità.

PANT. (Oh che manazza in tel muso che ghe daria!)

ISAB. (Son nell'impegno, e non mi voglio perdere per viltà).

PANT. (Tiremo de longo. No me voggio scaldar el sangue). Disème, cara fia, seu mo segura che sto sior gh'abbia per vu quell'amor che gh'avè per elo?

ISAB. Non crederei ch'egli mancasse al suo dovere, al suo impegno, alla sua parola.

PANT. No aveu sentio quel che ha ditto siora Costanza?

ISAB. Costanza, son degli anni ch'io la conosco, è facile a lusingarsi di tutto senz'alcun fondamento.

PANT. E vu con che fondamento ve lusingheu?

ISAB. Con quello della parola datami da un cavalier d'onore.

PANT. Ah cara la mia cara fia: ascóltime. Ascolta to padre che te vuol ben, e sia una prova dell'amor che ho per ti, el parlarte che fazzo senza collera, senza caldo, senza criar. Ti te fidi de una parola de un zovene che t'ha promesso. No gh'ho tanti cavei in testa, quanti zoveni ha promesso e ha mancà. Ti disi ch'el xe un cavalier d'onor; ma avanti de assicurarse del carattere vero delle persone, bisogna esperimentarle; se se pol facilmente ingannar, e una putta che no gh'ha esperienza del mondo, xe più soggetta a lassarse burlar. Ti me disi che ti te trovi in debito de mantegnir la parola che ti gh'ha . Gh'ho gusto che ti gh'abbi sti boni principi d'onor, de pontualità; ma dime un poco con chi gh'astu sto debito? Con un zovene che t'ha incantà, o con to padre che t'ha inzenerà? T'ho mandà a Livorno da mio fradello, per causa delle mie desgrazie, perché dovendo zirar, per remetterme, in levante e in ponente, ti fussi ben custodia: ma no gh'ho miga perso sora de ti quell'autorità ch'el cielo m'ha sulla mia creatura; e ti savevi che ti gh'avevi to padre al mondo, e senza de lu no ti te podevi impegnar, e senza de mi no ti te pol obligar. Mi t'ho trovà un novizzo che gh'ha tutte le ottime qualità. Zovene, ricco, savio, civil. Cossa vustu de più? So padre xe qua. El putto tarderà poco a arivar. Ti 'l vederà, ti sarà contenta. Cara la mia fia, cara la mia cara zoggia: no me dar sto dolor, no me dar sta mortificazion. No me far comparir mi un babuin, no te far creder ti una fraschetta. Se tratta dell'onor too, dell'onor mio, dell'onor della nostra casa. Obedissi to padre: falo per atto de giustizia, e se la giustizia no te move abbastanza, falo per atto d'amor. Son vecchio, no gh'ho altri al mondo che ti, no me far morir co sta smania, co sto dolor. Movite a compassion: te parlo come che te parlerave un amigo. Ma i altri amici te pol tradir, e un padre parla per ben, desidera unicamente el to ben, e el sarave pronto a sparger el sangue per el to ben.

ISAB. Ah signor padre, non ho cuor di resistere alle vostre dolci parole, la bontà con cui mi parlaste mi ha talmente convinta, che sono pronta a rendervi quella giustizia che meritate.

PANT. Distu dasseno, fia mia? (alzandosi con giubilo)

ISAB. Dicolo colla maggior sincerità e colla maggior tenerezza del mondo.

PANT. Siestu benedetta! Ti me dies'anni de vita. Ti xe el mio cuor, ti xe la mia consolazion. Tutto quel che gh'ho a sto mondo, xe too. Cara la mia zoggia, caro el mio sangue, caro el mio ben. (L'ho indivinada, ho superà co le bone quel che fursi no averave fatto co le cattive. Son contento, son consolà, no so in che mondo che sia). Tiò, che te lo dago de cuor. (parte. Fa il cenno di baciarsi le dita, e inviare il bacio a Isabella)

ISAB. Son fuor di me. Parmi che il cuore mi rimproveri, e se ne dolga. Ma il padre merita un sacrifizio. Sì, il padre mi ama teneramente, e la natura mi sprona, e la ragion mi consiglia, e la virtù dee vincere la passione. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License