Carlo Goldoni
Il buon compatriotto

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Costanza e Musestre.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Costanza e Musestre.

 

COST. Caro sior Musestre, ve son obligada del vostro amor; ma mi no fazzoostaria, né locanda. Savè che son una dona civil, che fitto do camere per inzegnarme a tirar avanti, ma mi no recevo in casa chi va e chi vien.

MUSES. So tutto, so chi la xe, so che la so casa no xe locanda, e se no la fusse chi la xe, e se la so casa no fusse una casa propria e civil, mi no gh'averave messo da ela quel cavalier.

COST. Oh sì dasseno; in quanto a questo ve son obligada. Sior Ridolfo xe un pulitissimo signor, e son contenta de elo, e spero che elo sarà contento de mi.

MUSES. No la vol mo farme sta grazia de tor in casa sta signora per amor mio?

COST. Con done mi no me ne voggio intrigar.

MUSES. La me fazza sto favor. La la tegna per do o tre zorni.

COST. Mo che premura gh'aveu? Chi xela, cossa xela? Oe, sior Musestre, in casa mia potachietti no ghe ne voggio.

MUSES. A mi la me dise ste cosse? Chi crédela che sia mi?

COST. So che un galantomo, ma delle volte se se pol inganar.

MUSES. Questa xe una signora onesta e civil; la xe una milanese che vien a Venezia per una lite; me l'ha raccomandada un amigo, un galantomo, una persona da ben, e no ghpericolo che ghe sia sporchezzi. La xe ela e el so servitor.

COST. Dove voleu che li metta?

MUSES. La me fazza el servizio de logarli per do o tre : ghe troverò po un altro logo, e la sarà sollevada.

COST. No so cossa dir, no voggio gnanca parer da esser ingrata con vu, perché gh'ho obligazion. Che la vegna che me inzegnerò.

MUSES. Grazie, siora Costanza. In verità la me fa gran piacer. Adesso i fazzo vegnir de su. Con so bona grazia.

COST. Comodeve.

MUSES. (Parte)

COST. Lo fazzo mal volentiera ma no ghe posso dir de no a sior Musestre. El xe stà elo che m'ha messo in casa sior Ridolfo, e se el me sposa, gh'averò a elo l'. Bisognerà che vaga a destrigar un pochetto la camera. E el servitor dove dormiralo? Per do o tre zorni el starà anca elo come ch'el poderà. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License