Carlo Goldoni
Il buon compatriotto

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA   Rosina sola.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Rosina sola.

 

ROS. Traccagnin xe un poco alocchetto; ma ghe vol pazenzia. In tel caso che son, gh'ho bisogno de qualchedun che fazza per mi, e se nol fusse un alocco, nol staria saldo alle figure che ghe fazzo far. Me preme de sentir qualche novità de sto sior Leandro. La speranza che gh'ho sora de elo, me fa sopportar i torti che me fa sior Ridolfo, e bisogna che procura, co dise el proverbio, che tegna el cesto su do scagni. E se darò el preterito in terra? Ghe vorrà pazenzia. Son zovene, qualchedun me farà levar su. No bisogna perderse de coraggio. Son in mar, navego per tutt'i venti. Chiaperò porto dove che poderò; e se la fortuna me xe contraria, co no me nego, me basta. Dirò ca dise quello:

 

«Quando s'ha principià ghe vol costanza,

E fin che ghe xe fià, ghe xe speranza

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License