Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO PRIMO

SCENA SECONDA   Lucietta e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Lucietta e detti.

 

LUC. Siora patrona.

CEC. Cossa gh'è?

LUC. Una mascara.

CEC. Una mascara! Omo, o donna?

LUC. Omo, me par. Sala chi credo ch'el sia?

CEC. Chi?

LUC. Sior Zanetto.

CEC. Oh magari! Vardè, e se el xe elo, fe ch'el vegna avanti.

LUC. E se nol xe elo?

CEC. Sappième dir chi xe.

LUC. Siora sì. (parte)

CEC. El cognosseu sior Zanetto Bigolini? (a Lissandro)

LISS. Mi no.

CEC. Fermeve qua, se no gh'avè da far, che se el xe elo conosserè un capo d'opera.

LISS. In che genere?

CEC. In genere de cargadura, de scempiagine, de tutto quel che volè.

LISS. Cospetto! me lo goderò volentiera. A ste cosse mi ghe vago de vita11.

CEC. Oh siestu malignazo12! el xe elo, el xe elo. (guardando verso la scena).

 

 

 





p. -
11 Ghe vago de vita; me le godo infinitamente.



12 Malignazo:  quasi maledetto, per ischerzo, e modestamente.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License