Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO PRIMO

SCENA SESTA   Camera con due porte laterali, ed una nel fondo; un tavolino da una parte con una testa da scuffia ed una cestella, e con due sedie di paglia polite.   Tonina, poi Riosa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Camera con due porte laterali, ed una nel fondo; un tavolino da una parte con una testa da scuffia ed una cestella, e con due sedie di paglia polite.

 

Tonina, poi Riosa

 

TON. Riosa. (chiama, e si mette a lavorare intorno ad una scuffia)

RIO. Siora. (viene lavorando, facendo le calze)

TON. L'aveu visto mio mario stamattina?

RIO. Mi no, siora, che no l'ho visto. Xelo fora de casa sior Gasparo?

TON. Sior Gasparo? Che bisogno ghe xe che disè sior Gasparo? Se dise el patron.

RIO. La gh'ha rason, siora sì. Xelo fora de casa el patron?

TON. Siguro ch'el xe fora de casa. El s'ha levà su stamattina; el xe andà via, che no l'ho gnanca sentìo.

RIO. Caspita, siora patrona, bisogna ben che la dormisse pulito! (siede e lavora)

TON. Bisogna; e sì, savè, giersera, appena ho messo la testa sul cavezzal, me son subito indormenzada.

RIO. Ma! co se gh'ha el cuor contento, se dorme ben.

TON. Son contenta, xe vero. Ma anca mi gh'ho delle cattive zornae.

RIO. Cara ela, cossa ghe manca?

TON. No me manca gnente; ma stago sempre col batticuor.

RIO. De cossa?

TON. No vedè ch'el xe sempre a torzion24.

RIO. El va per i so interessi.

TON. Sia malignazo quando el s'ha messo a far el sanser.

RIO. Cara siora patrona, no xe stada ela che gh'ha fatto aver sta carica da sanser?

TON. No saveva miga mi che per far sto mistier el s'avesse da levar all'alba, e che l'avesse da vegnir a casa a magnar un boccon a strangolon, e po piantarme qua fin a negra notte.

RIO. Ma almanco la sera el vien a casa a bonora, el sta qua con ela...

TON. La sarave bella che nol vegnisse gnanca la sera.

RIO. Oh, cara siora, quanti ghe n'è.

TON. Quanti ghe n'è, quanti ghe n'è... (con forza, interrompendola)

RIO. La me lassa dir; elo no gh'ha casin...

TON. No ghe mancarave altro.

RIO. Nol zoga...

TON. Sì, xe vero; nol cognosse gnanca le carte.

RIO. Nol gh'ha pratiche... se la m'intende...

TON. Oh in questo po, no so gnente.

RIO. Gh'ala qualche suspetto?

TON. Xe qualche tempo che gh'ho sto balin25.

RIO. Ma con che fondamento? El xe tutto el zorno fora de casa.

TON. Cossa sogio mi? I omeni, co i s'ha messo el tabarro e el cappello, vàttela a pesca dove che i va.

RIO. Oh co no la gh'ha altro fondamento che questo...

TON. Che altro fondamento voleu che gh'abbia?

RIO. Che sogio mi? Credeva che la savesse qualcossa.

TON. Che savesse qualcossa? De dia, se fosse sicura de gnente, poveretto elo. Ch'el varda ben... che l'ara dretto26, perché son fia de mia siora mare.

RIO. Védela, cara siora patrona? La me compatissa: la se scalda per gnente.

TON. Oh in ste cosse son delicata.

RIO. La gh'ha rason, per questo la gh'ha rason; ma la me compatissa, xe el ben che me fa parlar...

TON. E mi xe el ben che qualche volta me fa andar in collera con mio mario.

RIO. Qualche volta la dise!

TON. Via, siora dottora, cossa vorressi dir? Chi ve sente vu, pareria che fusse una stramba.

RIO. No parlo altro.

TON. Tra mario e muggier se cria, se se magna i occhi e po se fa pase, e la xe fenìa.

RIO. Se la fusse fenìa!

TON. Tasè , che son stuffa.

RIO. (El xe el più bon omo del mondo, e la lo fa desperar). (da sé)

TON. Siora! cossa diseu? (con sdegno)

RIO. Oh digo de ste calze.

TON. No vorria che ve tolessi troppe boneman27.

RIO. Oh la tasa, che credo ch'el sia elo.

TON. Da che banda? (guardando alle due porte laterali)

RIO. Da sta banda qua. Lo conosso in tel far la scala.

TON. Via, via, me ne contento. El xe vegnù a un'ora discreta; averzìghe28.

RIO. No gh'alo la chiave?

TON. N'importa. Averzìghe; gh'aveu paura d'incomodarve?

RIO. Siora sì, no la vaga in collera. (si alza e va ad aprire) (La xe proprio impastada de velen). (da sé)

TON. (La gh'ha rason, culìa, ma no posso far de manco). (da sé) E cussì xelo elo?

 

 

 





p. -
24 A gironi, qua girando.



25 Sospetto.



26 Arar dritto,  per metafora, condursi bene,



27 Troppa di libertà



28 Apritegli.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License