Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO PRIMO

SCENA DODICESIMA   Gasparo solo.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Gasparo solo.

 

GASP. Me despiase per sior Raimondo. In verità, el me voleva far sto onor, ghe son obligà. Ma col saverà che giera impegnà per un interesse che me pol portar del profitto, son seguro che anzi el gh'averà a caro, e el me loderà. Ch'el diga quel che el vol Lissandro, le mie scuse le voggio far. Oh andemo. Mio compare me manda a chiamar; bisogna che i voggia scomenzar a bonora a parlar. Gh'ho gusto, cussì anderò più presto a levar Tonina. Gh'ogio la mia chiave in scarsella? Sì ben. Ma n'importa, xe meggio che toga anca questa za che la gh'è; delle volte se ghe ne pol perder una. (prende la chiave e la mette via senza guardarla) Me despiase de sior Raimondo. Ma lo pregherò de vegnirme un a favorir. Xe meggio che vaga per de qua, che la scurto. Vorria squasi serrar colle chiave: eh no; za vegnirò avanti sera. (parte, e serra)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License