Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO PRIMO

SCENA TREDICESIMA   Lissandro solo, poi il suo Garzone

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Lissandro solo, poi il suo Garzone

 

LISS. (Apre la porta pian piano colla chiave, ed entra) Ghe n'ha volesto avanti ch'el vaga via. Me son giazzà su quella porta quel che sta ben. Vorave che vegnisse sto mio garzon. Me preme de mandar a casa a tor el relogio. Cossa diavolo falo? L'osteria xe tanto taccada. Ma dove xe la mia chiave? (cercando sul tavolino e per terra) Dove diavolo alo ficcà la mia chiave! Ch'el l'abbia portada via! No crederave mai.

GARZ. Sior patron. (sulla porta con timore)

LISS. Vien avanti, che no ghnissun.

GARZ. L'osto xe avisà, e el vien elo in persona.

LISS. Gh'astu ditto da sior Gasparo?

GARZ. Sior sì, da sior Gasparo.

LISS. Gh'astu parlà de mi?

GARZ. Mi no, gnente.

LISS. Vorria che ti andassi... Aspetta, caro ti, che no trovo sta maledetta chiave. Bisogna seguro che, senza abbadar, el l'abbia portada via. Pazienza. Bisognerà sta sera che fazza averzer da un favro, e che domattina fazza muar la serradura.

GARZ. Comàndela altro?

LISS. Aspetta.

GARZ. Vedo l'osto che vien su de la scala.

LISS. Va , va in cusina, fa del fogo, e impizza el fogo in tinello43.

GARZ. No son miga pratico de sta casa.

LISS. Va drento de quella porta, (accenna la porta di fondo) e ti troverà tutto.

GARZ. E se non ghe xe fogo?

LISS. Battilo.

GARZ. E se no trovo l'azzalin?

LISS. Eh, el diavolo che te porta colle to difficoltà. (Garzone parte)

 

 

 





p. -
43 Tinello: stanza dove si mangia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License