Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO SECONDO

SCENA TERZA   Raimondo e Cattina

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Raimondo e Cattina

 

RAIM. Ah sì, el me l'à dett sior Gaspar, che i è do port int la so .

CATT. (No credeva mai che sior Bortolo fusse maridà!) (da sé)

RAIM. Anim, anim, alligher61.

CATT. Ghe digo che me sento poco ben.

RAIM. Ti averà tropp striccà el bust. Vot che te delazza?

CATT. El varda se son mola.

RAIM. Vot magnar qualcossa?

CATT. Oh me xe passà la fame.

RAIM. L'è el patiment, l'è el stomegh che te va vi. Ma perché n'at fatt colazion stamattina?

CATT. Non ho avudo tempo.

RAIM. L'è quel specch62, quel maledett specch. Ti gh sta tre or d'orlogg a quel specch, e fa, e desfa e tira i cavj63 dzà, e tira i cavj d'; d'i grum de manteca sul topè; d'i baril de polver in tel cignon, e sta bucla ne va ben, e sta bandetta ne corrisponde a quest'altr, a gh'vol tutta una mattina per sto bel conzir.

CATT. Perché no me tróvelo un perrucchier?

RAIM. Aveva trovà una donna; no l'avi vluda.

CATT. Sior no; le donne no sa far ben; fazzo meggio mi.

RAIM. Oh ragazza! ragazza!...

CATT. Andemo via, caro elo.

RAIM. I batt. An gh'è la serva, an ghnissun. Avrirò mi. (va ad aprire)

CATT. (Vardè se gh'avesse teso64 a quel baron! andarme a dir ch'el giera da maridar! Manco mal che no gh'ho mai ditto de volerghe ben). (da sé)

RAIM. (Cmod se fa a avrir sta porta? Ah, l'ò trovà). (apre)

 

 

 





p. -
61 Allegri.



62 Specchio.



63 Capelli.



64 Se gli avessi abbadato.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License