Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA   Zanetto dando mano a Lucietta in abito da signora. Bortolo dando mano a Cecilia, e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Zanetto dando mano a Lucietta in abito da signora.

Bortolo dando mano a Cecilia, e detti.

 

RAIM. Eh i vignin pur innanz; ch'i s'accumda.

ZAN. Servitor umilissimo al mio caro patron. (a Raimondo)

RAIM. Èla la so sgnora questa? (a Zanetto, accennando Lucietta)

ZAN. (Senza rispondere lascia Lucietta e corre da Cattina) Ghe fazzo umilissima reverenza. Ala dormio ben sta notte? S'ala destraccà? Stala ben? (a Cattina)

CATT. Benissimo, per servirla. (seria)

ZAN. (Sala insunià65 de mi stanotte?) (a Cattina)

CATT. (Vardè che sempiezzi!) (da sé, con rabbia)

LUC. (El m'ha impiantà qua). (piano a Cecilia)

CEC. Cossa volévistu? ch'el te tegnisse sempre per man? (piano a Lucietta)

ZAN. (Si va aggiustando l'abito e i maneghetti)

RAIM. A i ho ben piaser, sior Bortel, d'aver l'unor de la so compagnì.

BORT. La xe una fortuna per mi questa, d'aver l'onor de disnar con ela, e co la degnissima so siora fia. (drizzandosi a Cattina)

CATT. (Poco de bon! malignazo quando che l'ho cognossù!) (da sé)

RAIM. Vi, la mi fiola. Agradì, respondì con un poc d'bona grazia. (a Cattina)

CATT. L'ho saludà, ho fatto el mio debito; la sa che mi no so far cerimonie.

BORT. (Sia maledetto! ghe scometto che la crede che sia maridà). (da sé)

RAIM. Èla 66 la consort del sior Bortel? (a Cecilia)

CEC. Per servirla.

RAIM. E st'altra sgnoura? (verso Lucietta)

CEC. St'altra signora... (forzandosi per non ridere) la xe la consorte de sior Zanetto.

ZAN. (Ci patisce)

RAIM. Me consol infinitament d'aver l'unor de cgnosserla. (a Lucietta)

LUC. Grazie tanto, sior. (si vede ch'è impicciata)

CEC. e BORT. (Ridono piano fra di loro)

RAIM. Me ne ralligr con , sgnour Zanett, dla bona scelta.

ZAN. Eh sior sì... Ma... grazie. (a Raimondo) No la creda gnente. (piano a Cattina)

CATT. (Cossa diavolo dìselo? mi nol capisso). (da sé)

RAIM. (Am d'avis67 che la mujier e el marì se someggia). (da sé, ridendo) L'am fazza grazia. El mo un pezz ch' l'è maridà? (a Lucietta)

LUC. Mi, sior? (imbarazzata)

CEC. Via, siora Gasparina... (a Lucietta)

LUC. (Oh Gasparina!) (da sé, ridendo)

CEC. La diga quanto che xe che la xe maridada. (a Lucietta)

LUC. No so, sior, tre anni, quattr'anni. No so gnente.

RAIM. Hala d'i fantsin?

LUC. Oh giusto! (ridendo)

CEC. (Oh no la tien duro custìa)68. (da sé)

RAIM. (Mo che bella copia!) (da sé)

BORT. (No son miga maridà, sala?) (a Cattina)

ZAN. (Gnanca mi). (piano a Cattina)

BORT. (Quella xe mia sorella). (come sopra)

ZAN. (E quella xe la massèra). (come sopra)

CATT. (Oh matti maledetti tutti do!) (da sé, e riprende la ciera allegra)

CEC. Cossa xe de sior Gasparo e de siora Tonina, che no i se vede?

CATT. No i ghe xe, ma adesso adesso i vegnirà tutti do. (con spirito, e si accosta a Cecilia) Aspettemoli. Xe tardi, ma n'importa. Semo in compagnia; no xela ela? (accennando Bortolo)

CEC. Siora sì, la muggier de sior Bortolo.

CATT. (No xe miga vero, n'è vero?) (piano a Cecilia)

CEC. (Siora no, so sorella). (piano a Cattina)

CATT. Me consolo tanto de véderla e de cognosserla. (si baciano) E questa xe la consorte de sior Zanetto? (a Lucietta, ridendo)

LUC. Siora sì. (si accosta per baciarla)

CATT. Grazie. (si ritira) Mi no vôi basar la massèra. (da sé)

LUC. Me cognossela? (a Cecilia, piano)

CEC. Oh giusto! (piano a Lucietta) Bisogna che quei matti gh'abbia scoverto tutto. (da sé)

RAIM. Per cossa mo i avì fatt ste sgarb? (piano a Cattina)

CATT. Perché la gh'ha mal a la bocca. (piano a Raimondo)

RAIM. Cara la sgnoura delicatina. (piano a Cattina)

 

 

 





p. -
65  Sognato.



66 Ella.



67 Mi pare.



68 Or ora costei si scuopre.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License