Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA   Lissandro e detti,

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Lissandro e detti,

 

LISS. Patroni reveriti.

CATT. E cussì? Vienli, o no vienli?

LISS. I vegnirà.

CATT. Dove diavolo xeli ficcai stamattina?

LISS. Ghe dirò: sior Gasparo xe da sior Bernardin Zoccoletti per un negozio de canevi, che se el ghe va ben el va a rischio de vadagnar almanco un mier de ducati, in tre o quattro zorni.

CEC. E cossa gh'intra siora Tonina?

LISS. Siora Tonina? La xe una donetta che val un milion. Sti marcanti che gh'ha sto canevo da dar via, i gh'ha bisogno de bezzi, ghe vol do mille ducati a la man, e siora Tonina s'ha cavà le zoggie, e tanto che so mario contratta, la xe andada a trovar i bezzi.

RAIM. Per cossa no ela vgnù da mi, che a g' li averia dadi senza un interess al mond?

BORT. Ma in sostanza, vegnirali, o no vegnirali?

LISS. I vegnirà.

ZAN. Sentémose a tola, che i vegnirà.

RAIM. Oh sgnour Zanett, cossa disla? Senza i patron de ? L'am perdona, saravla una bella creanza?

ZAN. La creanza xe bella e bona, ma mi gh'ho una fame che no ghe vedo.

LISS. E el negozio va longo e Dio sa quando che i vegnirà.

LUC. (Oh mi dobotto chiappo su, e vago via). (da sé)

RAIM. Ma coss'ha dett el sior Gaspar?

LISS. Sior Gasparo gh'ha el mazor travaggio del mondo, ma el sa che l'ha da far con de le persone che ghe vol ben, che no ghe vorrà far perder sta bona occasion, e el li prega, e el li supplica, el li sconzura de sentarse a tola, e de principiar.

TUTTI (Fuor che Raimondo e Lissandro) Sì, sì, sior sì.

RAIM. Mo sgnour no, da bon, ch'i avem da aspetar.

LISS. Sior, son andà in cusina: se la vedesse, xe una cossa che fa compassion. Tutto va de mal. E sì, sala, l'ha parecchià un boccon de disnar! no ghe digo gnente. L'ha tolto un cuogo... (a Raimondo)

CEC. Andemo, andemo, sior Raimondo, che i vegnirà.

RAIM. Se i vol andar lor, che i vaden pur, ma mi e mi fiola piuttost anderem a : el veira, Cattina?

. Mi, sior? In verità che gh'ho fame, e che no gh'ho gambe da far le scale.

RAIM. Ti m'ha pur dett, che t'era passà la fam?

CATT. Oh la me xe tornada.

CEC. Anemo, sior Raimondo, andemo che i vegnirà. (lo prende sotto il braccio)

BORT. A tola, a tola. (prende per la mano Cattina)

ZAN. Sans façons, sans façons69. (la prende per l'altra mano)

CATT. Sior padre, se ghe xe, bisogna starghe. (parte con li due suddetti)

RAIM. L'am vol far far una cossa... (a Cecilia)

CEC. Andemo, andemo drio de sti putti. (vuol condurlo via)

RAIM. Putti! (guardandosi)

CEC. Eh mi, co i xe zoveni, ghe digo putti. Andemo (parte con Raimondo)

 

 

 





p. -
69 Senza cerimonie: frase francese usata comunemente in Italia.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License