Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO SECONDO

SCENA SESTA   Lissandro e Lucietta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SESTA

 

Lissandro e Lucietta

 

LISS. Via, siora novizza, la me favorissa la man. (a Lucietta, ridendo)

LUC. Eh novizza i totani70.

LISS. Quanto pagaressi che fusse la verità?

LUC. Oh con quel scempio no, vedè.

LISS. Piuttosto con mi, n'è vero?

LUC. Oh gnanca. Gh'avè troppe cabale.

LISS. No cognossè el bon, sorella. Via, la me daga la man. La permetta che gh'abbia l'onor de servirla.

LUC. Dove me voleu menar?

LISS. A tola.

LUC. A tola? mi no, varè.

LISS. No? per cossa?

LUC. Figureve se mi vôi disnar sentada a tola coi mi paroni.

LISS. Co lori ve lo permette.

LUC. Oh mi no, vedè, me vergogno.

LISS. Dove voressi andar? In cusina?

LUC. Feme parecchiar piuttosto qua su d'un taolin.

LISS. Eh andemo. Vegnì con mi. (la prende a forza per la mano)

LUC. Sior no, ve digo. (fa forza per restare)

LISS. Sangue de diana che vegnirè. (la prende in braccio, e la porta)

LUC. Oe, oe, siestu malignazo. (partono)

 

 

 





p. -
70 Lo stesso che in toscano corbezzoli.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License