Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO TERZO

SCENA TERZA   Raimondo, Cattina e Tonina, poi Riosa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Raimondo, Cattina e Tonina, poi Riosa

 

TON. Serva umilissima. Che grazie? Che favori xe questi?

RAIM. Bondì la mia sgnora Tonina.

CATT. Sì, sì, cara. Son in collera con ela, ma quel che sta ben.

TON. No so cossa dir, la gh'ha rason...

RAIM. Oh l'an ve la perdona più mi fiola. (ridendo)

TON. No so cossa dir; so che i gh'ha tanta bontà l'uno e l'altro che i me compatirà. Mio mario... mio mario... giera impegnà da sior Bernardin. (con pena)

RAIM. El so; i me l'an ditt.

CATT. Ma perché no vegnir ela almanco?

TON. Mi, fia mia, in verità no saveva gnente.

CATT. Oh giusto! no la saveva gnente?

TON. No, da donna d'onor che no saveva gnente.

RAIM. Oh i n' l'avrà volsuda avisar, per no disturbarla da i so interess. Ma disim un poc, la mi fiola: el andà ben el negozj?

TON. Qual negozio?

RAIM. Quel ch'a fatt voster marì in del sgnor Bernardin.

TON. Cara ela, no la me fazza parlar...

CATT. Oh via, che no i staga adesso a parlar de negozi.

TON. Vorla sentarse qua, vorla che andemo de ?...

CATT. Gnente; mi no me son gnancora sfogada, e me voggio sfogar. La dise che la me vol tanto ben, e una zornada che avévimo da star insieme, la chiappa su e la n'impianta?

TON. Ghe assicuro, siora Cattina, che mi no ghe n'ho colpa, e co mio mario m'ha ditto sta cossa, el mio viso xe deventà una brasa de fogo. Anzi ghe dirò la verità. Mio mario voleva che vegnisse doman a domandarghe scusa, e in verità no saveva gnanca come far a vegnir.

RAIM. , se al sgnor Gaspar n'a psu esser con nu sta mattina, generosamente al vol ch'a cenamen in compagnì stassira.

TON. Dove? (con maraviglia)

RAIM. Oh bella; in casa vostra, al n've l'ha ditt sior Gaspar?

TON. No, in verità, nol m'ha ditto gnente.

CATT. Gh'ala impegni? Anderala via anca stassera?

TON. No, cara siora Cattina, no la me mortifica d'avanzo. Ghe digo e ghe accerto che no podeva aver una consolazion più granda de questa. Dove l'ala visto mio mario?

RAIM. An l'ho minga vist, el m'ha scritt un bigliett. Oh el m'ha fatt rider con ste bigliett. (lo tira fuori e legge) Ci sarà tutta la compagnia fuori del ridicolo sior Zanetto e della sguattera sua consorte. S'ai iera quel matt, mi an ghe vegniva.

TON. Oh per mi za, la pol dir quel che la vol, mi no so gnente, mi no conosso nissun; el fa le so cosse senza dirme gnente.

CATT. (Per mi me basta che ghe sia Bortoletto). (da sé)

RAIM. Me despias solament una cossa. (a Tonina)

TON. Cossa, sior Raimondo?

RAIM. Me despias ch'el sior Gaspar abbia da suffrir una doppia speisa. Stamattina un disnar sontuos, stassira la cena.

TON. Tutta Venezia xe piena de sto gran disnar da un zecchin a testa.

RAIM. Un zecchin a testa! Diavol! L'è ben purassà.

TON. Cossa dìsela? Che poco giudizio! Farse magnar el suo cussì miseramente. I giera in sette a magnarghe le coste.

CATT. Siora?

RAIM. De chi parlev, sgnora Tonina?

TON. Parlo de quei che ha magnà qua stamattina.

RAIM. E i mittì tutti a mazz?

TON. Mi digo, che chi va a magnar in casa d'un omo maridà, in scondon de so muggier, sia chi se sia, i xe tutti poco de bon.

CATT. Andemo a casa, sior padre. (sostenuta e sdegnata)

TON. Cossstà? (a Cattina, maravigliandosi)

RAIM. La mi cara sgnora, se sem vegnù mi e mi fiola in casa vostra a magnar... (con caldo)

TON. Intendemose. No parlo miga della cena, parlo del disnar. (con forza)

RAIM. E mi a ve respond del disnar. (con caldo)

CATT. E se ela se fusse degnada de vegnir co i l'ha mandada a chiamar, no averessimo disnà in casa del mario, in scondon de la muggier.

TON. Come! Come! Oh poveretta mi! Coss'è sta cossa? Lori ha disnà qua stamattina?

RAIM. Aviu volta87, la mi fiola?

TON. Spieghemose: la me perdona, mi son in t'una confusion. Lori ha disnà qua stamattina?

CATT. De cossa volévela domandarme scusa?

TON. Che ancuo mio mario no li ha podesti ricever, e nol gh'ha podesto dar da disnar. (affannata)

CATT. Se anzi el n'ha invidà, e avemo disnà qua, e no avemo vistomariomuggier...

TON. Gnanca mio mario no ghe giera? (con ansietà a Raimondo)

RAIM. Sgnora no, al n'i è stà, al n'i è mai vegnù, e sem andadi vi senza poderl ringraziar.

TON. Oh cossa che sento! Oh cossa che la me dise! Mio mario no sa gnente! Mio mario xe innocente! La diga, la diga: chi ghe giera? Come èla stada?... Ma... L'aspetta, che qua se bira da freddo88: oe Riosa. (affannata e contenta)

RIO. Siora.

TON. Ghe xe fogo in tinello?

RIO. Siora

TON. Andemo, andemo, la favorissa. (li prende tutti due per mano) Che la me diga... Che la me conta... Oe Riosa, el paron xe innocente. (allegra) Son fora de mi dalla consolazion. (Corre tenendo li due per la mano, e fa traballare Raimondo, e tutti partono)

 

 

 





p. -
87 Siete impazzita.



88 Birar da freddo: intirizzire.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License