Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO SECONDO

SCENA DECIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Don Sancio e donna Aspasia

 

SANC. Tutti l’hanno con quel povero segretario.

ASP. Ah pazienza! (mostra di piangere)

SANC. Che cosa avete?

ASP. Quando penso alle mie disgrazie, mi vien da piangere.

SANC. (Povera donna, mi fa pietà!) (da sé)

ASP. Bisogna pagare.

SANC. Via, pagherò.

ASP. Cento doppie non sono un soldo.

SANC. Pazienza, pagherò io.

ASP. Ma se si saprà che le date voi, povera me! Sarò la favola della città.

SANC. Non si saprà, poiché il denaro lo darò a voi.

ASP. Oimè! Mi fate respirare.

SANC. Andiamo a pranzo, e poi si farà tutto.

ASP. Voi a pranzo ci state quasi fino a sera. Vorrei mangiar con un poco di quiete. Caro il mio bel don Sancio, compatitemi se vi do quest’incomodo.

SANC. Ehi. Chi è di ?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License