Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO TERZO

SCENA SETTIMA   Cecilia, Bortolo e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Cecilia, Bortolo e detti.

 

CEC. Amici.

TON. Chi domandeli?

CEC. No la me cognosse, siora Tonina?

TON. Me par, e no me par.

LISS. (Se podesse sbrigarmela!) (tenta di andarsene, ma gli altri restano verso la porta, e Tonina sta attenta, e chiude)

BORT. Semo boni amici de sior Gasparo, e semo pieni d'obligazion.

CEC. Certo: no gh'ha bastà favorirne sta mattina, el vuol che godemo le so grazie anca stassera.

TON. Oh cossa dìsela? L'onor semo nu che lo ricevemo.

LISS. (Sieu maledetti! Se moverali de una volta?) (da sé)

TON. (Te cognosso, ma no ti va via). (da sé, accennando Lissandro) La favorissa, no xela sior Bortolo ela?

BORT. Per servirla.

TON. E sta signora me par de conoscerla...

BORT. La xe mia muggier.

TON. Ah, so consorte la xe! E mi delle altre volte che ho avuda la fortuna de véderla, l'ho sempre credesta so sorella.

CEC. Dasseno! (un poco confusa) (Sentiu in che impegni che me mettè? Oh stassera no vado via de qua, se la cossa no xe dichiarada). (piano a Bortolo) Sior Lissandro, patron. (scoprendolo nel cuor del suddetto discorso, lo saluta grossamente)

LISS. Patrona reverita.

TON. Andemo de , se le se contenta. (a Cecilia e a Bortolo)

CEC. Quel che la comanda. (rasserenandosi per non darsi a conoscere)

LISS. Me perméttela? (a Tonina per andarsene)

TON. Sior no. (a Lissandro)

BORT. La perdoni, no gh'ha da esser, me par, anca sior Raimondo? (a Tonina)

TON. Sior sì, el xe de in tinello co la so putta.

BORT. Dasseno! xeli soli?

TON. I xe soli, ma ghe dirò. Sior Raimondo m'ha domandà da scriver, e mi, per no far chiaccole, per no disturbarlo, gh'ho un libro a siora Cattina, e gh'ho ditto che co sior Raimondo ha fenio, la me chiama.

BORT. Andemo, andemo a tegnirghe un poco de compagnia. (offre la mano a Tonina)

TON. Via, sior Lissandro, deghe man a sta signora.

LISS. Mi la sa quel che gh'ho ditto.

TON. La varda che azion che me vuol far sior Lissandro. Mio mario l'ha invidà, mi lo prego, e nol vuol restar. (a Cecilia, ridendo)

CEC. Oh el , el resterà. (lo prende per mano)

LISS. Ma se ghe digo... (cercando di liberarsi)

TON. L'è capace de scampar, sala? (a Cecilia, ridendo)

CEC. Vorave véder anca questa (contro Lissandro)

BORT. Via, sior Lissandro. (forte)

LISS. Ma se no posso!

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License