Carlo Goldoni
Chi la fa l'aspetta

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA   Lissandro e detti, poi Riosa

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Lissandro e detti, poi Riosa

 

LISS. Sala chi xe? (a Tonina, ridendo)

TON. Chi?

LISS. Sior Zanetto Bigolini.

TON. Mi no lo cognosso. (Gasparo freme, Bortolo e Cattina ancora)

LISS. El xe el più caro matto de sto mondo.

TON. E la donna! (a Lissandro)

LISS. (Guarda intorno) Sì ben, no gh'è né siora Ceciliasior Raimondo, lo posso dir. El xe colla massèra de siora Cecilia.

TON. Chi èlo sto pezzo de aseno? Xelo logo questo de menar massère? (si alza)

LISS. La se ferma. Chi fa la festa, no l'ha da saver. Co ela ha imprestà el portego, no la xe più casa soa. Lucietta xe vestia coi abiti de la patrona, e la passa per so muggier. (Gasparo freme, e si alza)

TON. Cossste baronade? Me maraveggio de vu, sior.

LISS. Mo la se ferma; el xe un chiassetto de carneval.

RIO. Chi gh'ha nome sior Bortolo?

BORT. Mi, fia. (alzandosi con affanno)

RIO. Che la vegna in tinello, che i la domanda. (parte)

BORT. Vegno. (Vago a sentir la mia sentenza). (parte)

CATT. (Poveretta mi! Me par che me vegna mal). (da sé, e beve qualche spirito)

TON. Cossa gh'ala? (a Cattina)

CATT. Gnente, fazzo perché no me vegna sonno.

TON. E cussì, sior, cossa me diseu de chiassetti? Coss'è sto finzerse mario e muggier? (a Lissandro)

LISS. (Guardandosi intorno) La xe una burla; giusto come quella de sior Bortolo e de siora Cecilia.

TON. Come! No i xe mario e muggier, sior Bortolo e siora Cecilia? (con maraviglia)

LISS. No la sa che i xe fradello e sorella?

TON. Mi! No v'arecordè cossa che i m'ha ditto in portego, co i xe vegnui? (con caldo, fremendo)

LISS. No gh'ho miga badà, la veda.

GASP. (Ride, e passeggia)

CATT. (Oh poveretti nu, in che intrigo che semo!) (da sé)

TON. Siora mascara, cossa diseu? (a Gasparo, fremendo)

LISS. Xelo el patron della festa? (a Tonina)

TON. Sior sì, sior sì; el xe el patron. (a Lissandro)

LISS. Signor, no la se metta in sospetto de gnente, perché i xe tutti galantomeni, persone oneste; la xe una burla, e no ghgnente de mal. (a , ridendo)

GASP. (Fa cenno che domandi permissione a Tonina)

LISS. Siora Tonina, se conténtela che le vegna ste mascare? (a Tonina)

TON. Dove xele? (a Lissandro)

LISS. In portego.

TON. Chi le ha fatte intrar?

LISS. Gh'ho averto mi, veramente.

TON. Chi va sti ordini, sior?

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License