Carlo Goldoni
Amor contadino

ATTO SECONDO

SCENA QUARTA   Erminia e la Ghitta

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUARTA

 

Erminia e la Ghitta

 

GHI.

(E intanto il pover uomo,

Senza ch'io l'introduca e che io lo scorti,

Va dentro a cercar chi lo conforti). (in atto di partire)

ERM.

Amica. (chiamandola)

GHI.

Che volete?

ERM.

Deh, se pietosa siete

Quanto vaga e gentil, ditemi almeno

S'egli d'altra beltà ferito ha il seno.

GHI.

Bugie non ne so dire, e poi è meglio

Perdere ogni speranza,

E acchetarsi e cercare altro partito.

Sì, da un'altra bellezza ha il sen ferito.

ERM.

E chi è questa?

GHI.

La Lena,

Mia sorella maggiore.

ERM.

Oh stelle! È bella?

È vezzosa? È gentile?

GHI.

È mia sorella.

Io, per dirla com'è, sono di lei

Un po' più spiritosa:

Ma circa alla beltà, noi siamo :

Vezzosette ambedue così e così.

ERM.

(Ardo di gelosia). Quel disumano

Dove andato or sarà?

GHI.

Cara figliuola,

Io vi consiglio a superar la pena.

Ei sarà andato a ritrovar la Lena.

ERM.

No, tollerar non posso

Preferita vedermi una vil donna.

Proverà i sdegni miei. (s'incammina verso la casa)

GHI.

Fermate. (la trattiene)

ERM.

Invano

Trattenermi tu vuoi. (come sopra)

GHI.

Qui comandiamo noi. (come sopra)

ERM.

Vo' vendicarmi. (come sopra)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License