Carlo Goldoni
Amor contadino

ATTO TERZO

SCENA DECIMA   Lena e Ciappo

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DECIMA

 

Lena e Ciappo

 

CIA.

Lena, sei tu contenta?

Arrossirai più ora?

LENA

Un tantin di rossor mi resta ancora.

CIA.

Ora che sposa sei,

Deve andare il timore in abbandono.

LENA

È vero, è ver, ma vergognosa io sono.

 

CIA.

Dammi, o cara, un dolce amplesso;

Più di te non sei padrona.

Allo sposo il cor si dona:

Importuno è il tuo rigor.

LENA

Se d'amarti mi è concesso,

Se son tua, se tu sei mio,

Più di questo io non desio:

Deh, s'appaghi il tuo bel cor.

CIA.

Innocenza, sei pur bella!

LENA

Sento amor che mi martella.

a due

Agnelline fortunate,

Degli agnelli innamorati,

Senza l'onta del rossor

Voi spiegate il vostro amor.

CIA.

Vien, mia vita.

LENA

Sta lontano.

CIA.

Sarò dunque sposo invano?

LENA

Ti vo' bene e ti amerò,

Ma vicino io non ti vo'.

CIA.

No?

LENA

No.

CIA.

Sposi, voi che amanti siete,

Se di me pietade avete,

Dite voi cos'ho da far.

LENA

Voi, fanciulle vergognose,

Che giungeste ad esser spose,

Dite voi cos'ho da far.

CIA.

Tu dei far quel che dich'io.

LENA

Io obbedisco al padre mio.

CIA.

Più non c'entra il genitor.

Io comando al tuo bel cor.

LENA

Tu comandi?

CIA.

Io ti comando.

LENA

Chi lo dice?

CIA.

Or tel dirò:

Tutte le leggi, tutti i dottori,

Tutti i villani, tutti i signori,

Tutti gli esempi delle nazioni,

E più di tutto quelle ragioni

Che la natura desta nel sen.

LENA

Oh, cosa sento! Cosa diranno

Tutte le leggi, tutti i dottori,

Tutti i villani, tutti i signori,

Tutti gli esempi delle nazioni,

S'io non capisco queste ragioni?

Sono tua sposa, puoi comandare:

Tutto vo' fare - quel che convien.

CIA.

Vieni, mia cara.

LENA

Sono con te.

CIA.

Sposo felice chi è più di me?

a due

Gioia maggiore, no che non c'è.

Dolce amore, deh placido scendi;

Del tuo foco m'investi, m'accendi.

L'alma in seno mi sento brillar.

Che diletto - provo in petto!

Gioia cara, - gioia mia,

Di timori non s'ha da parlar;

Sol si pensi a godere e ad amar. (partono)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License