Carlo Goldoni
La burla retrocessa nel contraccambio

ATTO SECONDO

SCENA QUINTA   Agapito, poi Roberto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINTA

 

Agapito, poi Roberto

 

AGAP. Eh che gioja ch'è Gottardo! e che buon cuore ch'egli ha!

ROB. Oh quanta obbligazione ho al mio caro Agapito! ho sentito tutto. Non mi scorderò mai della vostra buona amicizia. (lo abbraccia)

AGAP. Ha sentito quanta fatica vi ha voluto?

ROB. Ho sentito.

AGAP. Vossignoria può andar a far qualche affare, se ne ha, e poi tornare all'ora del pranzo.

ROB. Sì, dite bene, anderò, e tornerò. Ma ho sentito che avete detto, che vi saranno delle altre persone, non vorrei che m'imbarazzassero.

AGAP. Credo che non ci sarà altri che il signor Leandro.

ROB. Oh Leandro è mio amico. Non mi soggezione.

AGAP. L'ho fatto invitare apposta, acciò possa assisterla se bisogna, acciò tenga il padre in conversazione, mentre vossignoria si trattenerà colla figlia.

ROB. Bravo, bravissimo. Tornerò dunque... Che ora abbiamo al presente?

AGAP. Non lo so, mi ho scordato a casa l'orologio.

ROB. Sono sedici ore vicine. (guardando il suo orologio) Se avete bisogno di questo...

AGAP. No, no, la ringrazio. Ho il mio che mi serve.

ROB. A rivederci, amico, a rivederci. (parte allegro)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License