Carlo Goldoni
La burla retrocessa nel contraccambio

ATTO QUARTO

SCENA SETTIMA   Il Garzone del caffè, ed il suddetto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SETTIMA

 

Il Garzone del caffè, ed il suddetto

 

GARZ. Servitor umilissimo, signor Gottardo.

GOTT. Cos'è? C'è qualche altra novità? Venite anche voi per danari?

GARZ. Sì signore, vengo per i cinque caffè, che ho portati qui quest'oggi.

GOTT. Ma io non c'era.

GARZ. So benissimo ch'ella non c'era, e per questo sono venuto a domandarle se li pagherà vossignoria, o se devo farmeli pagare dal signor Agapito.

GOTT. Ah ah. È il signor Agapito che li ha ordinati?

GARZ. Sì signore, ma mi ha detto che li pagherete voi.

GOTT. E Agapito oggi ha desinato qui?

GARZ. Senza dubbio.

GOTT. Con altre persone?

GARZ. Ancora.

GOTT. Conoscete voi le persone che hanno qui desinato?

GARZ. Sì signor, li conosco tutti.

GOTT. Buono, buono. Ditemi un poco (ma non vorrei che venisse Placida ad inquietarmi sul più bello. Non vi è bisogno di furia, ma di destrezza). (da sé) Andiamo fuori; vi pagherò il caffè, e mi direte... Andate, andate innanzi.

GARZ. Per obbedirla. (parte)

GOTT. Ora sono contento. Ho scoperto il furbo; non son chi sono, se non mi vendico. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License