Carlo Goldoni
La burla retrocessa nel contraccambio

ATTO QUINTO

SCENA OTTAVA   Pandolfo, Costanza, Roberto, Placida ed i suddetti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Pandolfo, Costanza, Roberto, Placida ed i suddetti.

 

ROB. Caro signor Pandolfo, vi domando perdono. Scusate l'amore...

PAND. E se voi avete dell'amore per la mia figliuola, perché non trattare da galantuomo? Perché non dirmelo, senza fare di tai scondagne?

ROB. Confesso che ho fatto male; ma il desiderio di assicurarmi prima della sua inclinazione...

COST. Deh caro padre, compatitemi ed abbiate pietà di me.

PAND. Disgraziata! meriteresti... E voi, signor Gottardo, voi date mano a simili impertinenze?

PLAC. Gliel'ho detto anch'io, l'ho rimproverato anch'io.

GOTT. Credetemi, signor Pandolfo, che io non ne so niente.

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License