Carlo Goldoni
L'adulatore

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Donna Isabella e detta.

 

ISAB. Colombina non c’è, signora.

LUIG. E dov’è andata?

ISAB. Non lo so. È andata giù.

LUIG. Sarà andata anch’ella a pettegoleggiare coi servitori.

ISAB. Serva sua. (in atto di partire)

LUIG. Fermatevi. (Isabella si ferma) Tenete questo spillone; portatelo sulla tavoletta, e tornate qui.

ISAB. Signora sì. Oh, come mi starebbe bene! (se l’accosta al tuppè)

LUIG. Animo.

ISAB. Me lo lasci provare.

LUIG. Signora no.

ISAB. La prego.

LUIG. Via, impertinente.

ISAB. (Tremando parte)

LUIG. Grand’ambizione ha colei! Se niente niente la lasciassi fare, mi prenderebbe la mano.

ISAB. (Ritorna)

LUIG. Venite qui. (donna Isabella s’accosta) Tiratemi giù questo guanto.

ISAB. (Vuol che le faccia da cameriera). (da sé)

LUIG. Via, presto.

ISAB. Ma se non so fare.

LUIG. Uh sguaiataccia!

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License