Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA TERZA   Giacomina e dette.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TERZA

 

Giacomina e dette.

 

GIAC. Siora madre, xe qua Nicoletto.

BARB. Oh, ho ben da caro175. Dove xélo?

GIAC. Gh'ho tirà adesso.

BARB. Gh'avèu dito a Margarita?

GIAC. Siora sì. Spìsima no ghe giera, l'ha mandà Giandussa.

AGN. Che razza de nomi xéli questi?

BARB. Zente de campo176, fia mia. Putazzi che me fa qualche servizio, per no mandar la dona a torzion177. Dove xélo Nicoletto?

GIAC. L'anderà a despoggiarse.

BARB. Avanti che el se despoggia, disèghe che el vegna qua.

GIAC. Siora sì.

BARB. E vu aspettè de , che co vegnirà sior Rocco, ve chiamerò.

GIAC. Quel che la comanda. (Ogni tanto la vien fora178 con dei discorsi, che mi non ho da sentir). (parte)

 

 

 





p. -
175 Ho gran piacere.



176 Gente di piazza, vagabondi che s'impiegano per l'uno e per l'altro, ma non vogliono assoggttarsi a nessuno.



177 A gironi.



178 Trova da far de' ragionamenti ecc.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License