Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA OTTAVA   Barbara, Agnese, Giacomina e Nicoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA OTTAVA

 

Barbara, Agnese, Giacomina e Nicoletto

 

GIAC. Grazie, sala, sior'Agnese.

AGN. Oh cossa dìsela? Per ste minchionerie no se ringrazia gnanca.

BARB. Védistu, fio? Sior'Agnese la gh'ha pagà una traversa a to sorela.

NICOL. E a mi me dónela gnente?

AGN. Cossa vorlo che ghe dona?

NICOL. Anca mi una traversa. (ridendo)

BARB. Oh che matto! séntela co buffoncelo che el xe? (ad Agnese)

NICOL. (Magari che la me la dasse! la porterave in cale de l'Oca).

AGN. Oh, se la me permette, siora Barbara, vago a casa.

BARB. Dirave, se la vol restar a far penitenza221, ma la penitenza la saria troppo granda per ela.

AGN. Grazie, grazie, siora Barbara. Bisogna che vaga a casa, che aspetto zente. Oe, la diga, se vien sior Rocco, vorla che intaolemo222 gnente el discorso?

BARB. Oh cossa vorla intaolar? In ancuo223 come vorla che ghe prometta mile ducati de contai, e po tuto quelo che ghe vien drio?

AGN. Mo no m'ala dito dei domile ducati?

BARB. E mio fio, poverazzo?

AGN. Per so fio qualcossa sarà; no la pensa a so fio. La me daga la vesta e el zendà.

BARB. Via, servìla, Giacomina.

GIAC. Subito. (prende la roba, e l'aiuta)

BARB. (Oh el cielo lo voggia! mi credo che moriria de consolazion). Via, vate a metter el tabarro. (a Nicoletto)

NICOL. Subito. (Per diana gh'ho a caro, farò un'altra sbrissadina224 in cale de l'Oca). (parte)

BARB. Védela con che allegria che el la serve? (ad Agnese)

AGN. Oh, quel puto lo volemo far un ometto. (vestendosi)

BARB. Altri che ela no lo pol agiutar.

AGN. Se se savesse la so intenzion. (come sopra)

BARB. La so intenzion? La so intenzion no xe altro che de esser bon, e de far tuto quelo che se ghe dise.

NICOL. Son qua, vorla che andémo? (col mantello)

AGN. Sì, andémo. Patrone.

BARB. Patrona.

GIAC. Patrona.

BARB. Daghe man, sastu, zo per le scale. (a Nicoletto)

NICOL. Siora sì.

AGN. Eh, el farà pulito.

BARB. Caspita! la lassa far a elo.

NICOL. (Se ghe podesse cavar qualcossa!)

AGN. A bonreverirle. (parte con Nicoletto)

BARB. Patrona.

 

 

 





p. -
221 Se vuol restare a pranzo.



222 Che intavoliamo.



223 In oggi.



224 Scappatina.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License