Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO SECONDO

SCENA TREDICESIMA   Giacomina e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA TREDICESIMA

 

Giacomina e detti.

 

GIAC. La toga; dove vorla andar, siora madre? (le vesta e zendale)

BARB. Gnente, gnente, aspettème, che adesso vegno. (vestendosi)

GIAC. Stala un pezzo?

BARB. Vago da sior'Agnese, e torno. I xe quattro passi.

GIAC. No ghe xe gnanca Margarita. La xe andada dal marzer.

BARB. Ve lasso sior Lunardo; fin che vegno, el ve farà compagnia, nevvero? (a Lunardo, vestendosi)

LUN. Co se trata de servirla...

GIAC. Eh no no, se el vol andar, che el vaga, mi no gh'ho paura.

LUN. Eh no, fia, le pute in casa no le sta ben sole. Starò mi, starò mi.

BARB. Con so bona grazia, sior compare; la me aspetta, che adesso torno. Vardè sto zendà; come xélo? No so gnanca quel che fazza, né quel che diga. Son fora de mi. Prego el cielo che me tegna le man. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License