Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO TERZO

SCENA UNDICESIMA   Agnese, Giacomina, poi Barbara

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA UNDICESIMA

 

Agnese, Giacomina, poi Barbara

 

GIAC. (Mo una gran chiaccolona!)

AGN. La resterà, co la me vede!

GIAC. Certo.

AGN. E sior Nicoletto?

GIAC. Anca elo.

BARB. Oh qua, sior'Agnese?

AGN. Son qua mi a darghe incomodo.

GIAC. Patrona, siora madre. (le bacia la mano)

BARB. Bondì, fia. (le cade qualche lagrima, e si asciuga)

AGN. Cossa gh'ala, siora Barbara?

BARB. Gnente, fia, el vento per strada, che in ti occhi.

AGN. Dove xe sior Nicoletto?

BARB. El xe de , che el se despoggia. (afflitta)

AGN. La me lo dise in t'una certa maniera.

BARB. No ho disnà, sala, no gh'ho fià da star in pìe.

AGN. Per interessi nevvero?

BARB. Siora sì, per interessi.

AGN. Mi no voggio tegnirla incomoda, che la vorà andar a tola, e la gh'ha rason. Ghe digo do parole, e po vago via.

BARB. Andè de , Giacomina.

AGN. Eh no, che la resta pur, che za gh'ho dito qualcossa.

BARB. No, no, andè pur de , fia.

GIAC. Siora sì, subito. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License