Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO TERZO

SCENA DODICESIMA   Agnese e Barbara

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA DODICESIMA

 

Agnese e Barbara

 

AGN. Siora Barbara, ho parlà co sior Rocco, e cussì burlando, ho speranza che femo dasseno. Mi so de seguro, che quel omo sta ben assae.

BARB. Cara ela...

AGN. La me lassa dir. L'ha eredità quel negozio da un so barba, che gh'averà lassà sie grossi mile ducati; e lu a st'ora el l'ha aumentà. Sala cossa che vol dir aumentà?

BARB. Capisso, ma la me creda...

AGN. La me lassa fenir. El l'ha aumentà de altretanti, e fursi, fursi de più. Onde mi ghe digo, che la puta starave ben...

BARB. Sior'Agnese...

AGN. La senta. Se pol darghe manco de mile ducati de contai, e quattrocento de strazze? Dei do mile ghe ne resta siecento per ela.

BARB. Ala fenio?

AGN. So cossa che la me vol dir. La me vol dir, che se el puto no xe logà, no se pol saver, no se pol disponer. Cara siora Barbara, altre do parole sole, e ho fenio. La vegna qua, la me daga un baso. La sa quanto amor che gh'ho per ela. So come che l'ha arlevà i so fioi; quel puto, so che puto che el xe. Son qua, ghe averzo el cuor; el me piase, ghe voggio ben, e se la xe contenta...

BARB. Oh sior'Agnese, sior'Agnese! Tegnìme che casco, che no posso più.

AGN. Mo via, cara siora, star fina ste ore senza magnar, bisogna andar in debolezza per forza.

BARB. No, fia, no la xe debolezza. La xe doggia de cuor.

AGN. Cossstà? Cossa ghe xe successo?

BARB. La lassa che me quieta un pochetto, e ghe parlerò.

AGN. Vorla un poco de spirito de melissa?

BARB. Siora sì, lo beverò volentiera.

AGN. La toga. El xe de quelo del Ponte del Lovo276. La sa, che no se vende altro che roba bona. (le la boccietta)

BARB. (Beve lo spirito) La toga. Grazie. (le rende la boccietta) Sior'Agnese, cognosso veramente che la me xe amiga, e gh'ho tante obligazion con ela, che no le pagherò mai fin che vivo.

AGN. Eh via, cara ela, cossa dìsela?

BARB. E mi, che son una dona d', no m'ho da abusar de la so amicizia, ma gh'ho debito de parlarghe con quela sincerità, con quela schiettezza che se convien. Ela se esibisse de sposar mio fio, e questa doverave esser per mi la consolazion più granda che podesse aver a sto mondo. Mazor fortuna no poderave desiderar a mio fio. La xe quela cossa che drento de mi ho tanto desiderà, che anca con qualche stratagema ho procurà mi de sveggiar, e el cielo fursi me vol castigar per el troppo amor per mio fio, e per qualche artifizio che in sto proposito posso aver praticà. Qua bisogna che ghe confessa la verità; no la voggio tradir, no la posso adular. Mio fio che xe stà sempre obbediente a so madre, tanto lontan da le pratiche, tanto fora de le occasion, el xe stà sassinà, el xe stà menà in casa de una puta; i l'ha incinganà, i me l'ha tirà zo, el gh'aveva anca promesso, e son andada mi a trovarlo sul fato, a pericolo de precipitar; e me l'ho chiapà, e me l'ho menà via, e gh'ho crià, e gh'ho , e gh'ho fato de tuto e l'ha pianto con tanto de lagreme. El se m'ha buttà tanto in zenocchion el m'ha tanto domandà perdonanza, el m'ha tanto dito: no farò più; l'ha fina zurà, e no so se sia l'amor che me orba, o la pratica che gh'ho de quel puto, me par certo certo de esser segura. Ma gnanca per questo no ghe dirò a sior'Agnese: la'l toga. Son segura che mal con quela puta no ghe ne xe stà. Son segura che nol la varderà più, che el se la desmentegherà affato. Ma sior'Agnese l'ha da saver. Mi ghe l'ho da dir, che no vôi che un zorno la me possa rimproverar: lo savevi, e me l'avè sconto. Pazienza sarà quel che el cielo vorà. Se ho da penar, penerò, patirò mi, patirà mia fia, patiremo tuti, e quel povero desgrazià per un cattivo compagno, per un falo de zoventù, el perderà la so sorte, e el sarà un miserabile in vita sóa. (si asciuga gli occhi)

AGN. (Dopo aver taciuto un poco, asciugandosi gli occhi) Mo no dìsela che el xe tanto pentio?

BARB. Se el xe pentio? Se la'l vedesse, in verità dasseno el fa compassion.

AGN. Ghe dirò siora Barbara: prima de tuto la ringrazio del bon amor che la me mostra, e de la confidenza che la m'ha fatto, e in questo una dona de la so sorte no podeva far differentemente. Ghe dirò po una cossa: anca mi son vedoa, e so cossa che xe mondo, e i zoveni al tempo d'ancuo ghe ne xe pochi che no fazza qualche putelada, e se sol dir per proverbio: chi no le fa da zoveni, le fa da vecchi. Finalmente un fior no fa primavera. Se la me segura che co sta puta no ghe xe stà mal, che sior Nicoletto l'abbia veramente lassada, e che el sia veramente pentio, la ghe perdona ela, che ghe perdono anca mi.

BARB. Ah sior'Agnese, questa xe la maniera de dar la vita a una povera madre, e de redimer una fameggia che giera affato precipitada. Mi no so cossa dir, el ben che la me fa a mi, la staga segura che el cielo ghe lo darà a ela moltiplicà.

AGN. La lo chiama sior Nicoletto.

BARB. Oh cara ela, el xe tanto intimorio, che se mi lo chiamo, e se el vien, e che ghe sia mi, nol farà altro che pianzer, e no ghe caveremo una parola de bocca. Piuttosto anderò de , e ghe lo manderò qua da ela. La senta, la lo fazza parlar; la varda se ghe par de poderghe creder, e mi la lasso giudice ela se el merita, o no, la so bona grazia. Posso dirghe più de cussì?

AGN. Ben, la lo fazza vegnir.

BARB. La senta, un'altra cossa bisogna che ghe diga, acciò che no la ghe ariva nova. Come che ghe diseva, sto frasconazzo, senza pensar, senza saver gnanca cossa che sia, el gh'ha dito a quela puta: ve torò. E quele done le dise che el gh'ha promesso. Ma la vede ben, che promission che xe queste. No ghe xe carta, no ghe xe testimoni, no ghe xe, se la m'intende.

AGN. Xe vero, ma le ne farà bacilar277.

BARB. Eh, in quanto a questo, le xe de quele che co se ghe fa dir le parole, le se giusta presto.

AGN. Basta, ghe vorà pazenzia, e aspettar.

BARB. Volévela destrigarse presto?

AGN. Fursianca.

BARB. Oh sièla benedetta!

 

 

 





p. -
276 S'intende della bottega accreditata del droghiere Carissimi, dove si vende lo spirito di melissa dei Padri Carmelitani Scalzi di Venezia, che passa per simile a quello des Carmes Déchaussés de Paris.



277 Ci daranno delle inquietudini.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License