Carlo Goldoni
La buona madre

ATTO TERZO

SCENA QUINDICESIMA   Agnese, poi Nicoletto

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Agnese, poi Nicoletto

 

AGN. No so quala far, ghe ne sento tante. Xe che ghe voggio ben e xe un pezzo che ghe voggio ben. Ma no vorave averme da pentir. Sentiremo cossa che el sa dir.

NICOL. Sior'Agnese, patrona. (mortificato)

AGN. Patron.

NICOL. Cossa comàndela?

AGN. Reverirla. (sostenuta)

NICOL. Oh no, no reverirme, piuttosto criarme.

AGN. Perché criarve? se tanto bon. (con ironia)

NICOL. Sì, sì, bon! cara ela, no la me fazza pianzer, che ho tanto pianto, che debotto no ghe vedo più.

AGN. Ma, seu mo veramente pentio?

NICOL. De diana! co m'arecordo mia siora madre, che xe vegnua a trovarme in quela casa, me vien i suori fredi.

AGN. Ve despiase de lassar quela puta?

NICOL. Mi no, la veda; co penso a la minchioneria che voleva far, me par de esser un prencipe.

AGN. Ma ghe volevi ben però.

NICOL. Oh ben! gh'aveva gusto de devertirme. Andava qualche oretta. Ghe contava de le faloppe.

AGN. Ma perché prometterghe?

NICOL. No so gnanca mi.

AGN. Vardè, un puto de la vostra sorte, andarve a perder cussì miseramente. Se ve volè maridar, no podèu farlo con vostro decoro, e con sodisfazion de vostra siora madre?

NICOL. Oh, che no i me parla più de maridarme, che no me marido gnanca se i me liga co le caene.

AGN. No ve volè più maridar?

NICOL. Siora no.

AGN. Anca sì che lo fe per mantegnir la fede a quel'altra?

NICOL. De dia! se la vedo, scampo tre mia lontan.

AGN. Perché gh'avèu chiapà tanto odio?

NICOL. Se l'avesse sentìo cossa che m'ha dito mia madre.

AGN. (Vardè cossa che fa una correzion a tempo). Donca no ve volè più maridar?

NICOL. Siora no, ghe digo.

AGN. Mo per cossa?

NICOL. Perché m'arecordo che m'ha dito siora madre, che son un povero puto, che no gh'ho gnente a sto mondo, che no me posso mantegnir mi; la varda po se poderò mantegnir la muggier.

AGN. E se trovessi una muggier che ve mantegnisse vu?

NICOL. Ghe ne xe de le muggier che mantien i marii?

AGN. Ghe ne xe; ma ghe ne xe de più sorte. , no la v'ha dito gnente vostra siora madre?

NICOL. De cossa?

AGN. Che la ve vol maridar.

NICOL. Eh cara ela, no la me fazza andar in colera, che son tavanà280 che basta.

AGN. De mi no la v'ha dito gnente?

NICOL. De ela? gnente.

AGN. (Che ghe l'abbia da dir mi, no la va miga ben)

NICOL. Mi ghe ne dirò ben una granda.

AGN. Via mo.

NICOL. Che non avemo gnancora disnà.

AGN. Volèu vegnir a disnar con mi?

NICOL. Se siora madre se contentasse.

AGN. Ghe vegniressi volentiera con mi?

NICOL. Mi sì, la veda.

AGN. Ghe staressi con mi?

NICOL. Se siora madre volesse...

AGN. Ma no ve volè maridar, nevvero?

NICOL. De diana! gnanca per insonio.

AGN. (Stemo freschi).

NICOL. Mo perché me dìsela sempre de maridarme?

AGN. Perché, se volessi, ghe saria l'occasion.

NICOL. Ma ghe digo, che no ghe ne voggio saver. (Oh, la fa per tirarme zozo).

AGN. (Son mal intrigada, co l'è cussì. Oh ve' qua281 siora Barbara; co no la ghe mette ela del sóo, no femo gnente).

 

 

 





p. -
280 Afflitto.



281 Oh ecco qui.



Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License