Carlo Goldoni
La buona madre

SCENA ULTIMA   Lodovica, Daniela, poi Lunardo e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA ULTIMA

 

Lodovica, Daniela, poi Lunardo e detti.

 

LOD. Patrona reverita.

BARB. Patrona.

DAN. Serva.

BARB. La reverisso. Cossa comàndele, patrone?

LOD. Semo vegnue a dirghe, sala, che semo persone onorate, che in casa nostra no se fa zoso la zoventù. Che de so fio no savemo cossa farghene, e che mia fia xe novizza.

BARB. Gh'ho ben a caro dasseno.

DAN. Siora sì, son maridada, e acciò che no se diga de mi, perché me preme la mia reputazion, gh'ho menà el mio novizzo.

BARB. Dov'èlo sto novizzo?

LUN. Siora comare, patrona. (zoppicando)

BARB. Xélo elo, sior compare, el novizzo?

LUN. Mo son mi mi.

NICOL. Anca sior sàntolo xe novizzo?

AGN. Co la doggia?

GIAC. Me lasseralo star?

MARG. Me diralo più, che lo vegna a trovar?

LUN. Care creature, compatime. Son anca mi de sto mondo. In tel stato che son, gh'aveva bisogno de governo. El cielo non abbandona nissun.

BARB. Ma in casa mia, sior compare, la me farà grazia de no ghe vegnir.

LUN. Gh'avè rason, fia, gh'avè rason. Ma considerè almanco, che avendo mi sposà sta puta, ho messo in libertà vostro fio.

AGN. Sior sì, xe la verità. Adesso sior Nicoletto me pol sposar.

NICOL. Magari.

BARB. Deve la man, se volè.

AGN. Son qua, fio.

NICOL. Anca mi. (si danno la mano) Son maridà. Son omo, son maridà. (saltando)

ROC. E mi, siora Barbara?

BARB. Sì anca vu.

ROC. Vorla, siora Giacomina?

GIAC. Cossa dìsela, siora madre?

BARB. Sì, fia; deghe la man a sior Rocco.

GIAC. Son qua; volentiera (si danno la mano)

ROC. Volentiera?

GIAC. Sior sì.

ROC. Cara la mia zoggia!

LOD. Oh quante nozze! oh quanti novizzi! me ne vegnirave voggia squasi anca a mi de farme novizza.

LUN. Vu, vedèu! una vecchia matta, e in casa mia no ghe stè a vegnir. Ve darò vinti soldi al zorno per carità. Magnéveli dove che volè, ma da mi no ve voggio. Patroni. (parte con Daniela)

LOD. (Oh, con vinti soldi al me marido). Patroni. (parte)

AGN. Dasseno dasseno, la xe andada ben, che no la podeva andar meggio.

BARB. Vedèu, fia mia? Co se opera con bona intenzion, el cielo agiuta, e le cosse va ben. Mi ho fatto da Bona mare, vu avè fatto da bona amiga, e semo contenti nu, e sarà contenti i mi cari fioi.

 

Fine della Commedia.

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License