Carlo Goldoni
La buona figliuola maritata

ATTO SECONDO

SCENA SECONDA   Sandrina e Paoluccia, ambe recando gli abiti che soleva portare Marianna, quando passava per Giardiniera, e la suddetta.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA SECONDA

 

Sandrina e Paoluccia, ambe recando gli abiti che soleva portare Marianna, quando passava per Giardiniera, e la suddetta.

 

SAN.

Umilissima serva. (con inchini affettati)

PAOL.

A lei m'inchino. (come sopra)

MAR.

Non tante affettazioni,

Non tante riverenze:

A me piace il buon cor, non le apparenze.

SAN.

Faccio l'obbligo mio. (come sopra)

PAOL.

Fo il mio dovere. (come sopra)

MAR.

O donne, donne ingrate:

Vi conosco, lo so, voi mi burlate.

SAN.

Oh, signora, che dice?

Venero la padrona, (inchinandosi, come sopra)

E son qui per servirla.

PAOL.

Pronta son, se comanda, ad obbedirla. (come sopra)

MAR.

Via, sincere parlate:

Che volete da me? Che mi recate?

SAN.

Il mio signor padrone,

Il suo signor consorte,

Ci ha detto e comandato

Che alla nostra padrona, innanzi sera,

Questi abiti portiam di giardiniera.

PAOL.

E ha detto ed ha ordinato

Che da noi sia spogliata e sia servita,

E come un solea, sia rivestita.

MAR.

A me cotal ingiuria?

A me un simile affronto?

SAN.

Del voler del padron non rendo conto.

PAOL.

Siccome la stagione

Principia a riscaldarsi,

Coll'abito legger può rinfrescarsi.

SAN.

E parerà più bella

Col guarnello e il cappel da ortolanella.

MAR.

Basta così, ho capito;

Il barbaro marito

Mi vuol mortificata.

Soddisfarlo saprò. Nelle mie stanze

Quegli abiti portate.

SAN.

Si vuol spogliar?

PAOL.    

Vuol ch'io la serva?

MAR.

Andate.

SAN.

Subito.

PAOL.

L'obbedisco.

SAN.

Serva, signora mia. (parte cogli abiti)

PAOL.

Riverente m'inchino, e vado via.

 

Questo mondo è pien di scale,

Già lo sa la sua virtù;

V'è chi scende, v'è chi sale,

Chi va suso, e chi va giù.

Ma tutti dicono,

Padrona amabile,

Che chi si rampica

Con passo celere,

Fino alle nuvole

Volendo andar,

A capitombolo

Giù si precipita,

Si fa deridere,

Si fa burlar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License