Carlo Goldoni
La buona figliuola maritata

ATTO SECONDO

SCENA QUINDICESIMA   Mengotto e detti.

Precedente

Successivo

Link alle concordanze:  Normali In evidenza

I link alle concordanze si evidenziano comunque al passaggio

SCENA QUINDICESIMA

 

Mengotto e detti.

 

MENG.

Perdoni. (al Marchese)

MAR.

E che pretendi?... (a Mengotto)

MENG.

In questo punto

È arrivato alla Posta

Il Barone tedesco,

Padre della signora.

MARC.

(Ora sto fresco!) (da sé)

MAR.

(Ti ringrazio, fortuna). (da sé)

SAN.

(Affé, pavento). (da sé)

LUC.

(Temo di nuovi imbrogli). (da sé)

MARC.

(Non so quel che mi faccia;

Se taccio è mal, peggio sarà s'io parlo). (da sé)

Anderò per rispetto ad incontrarlo. (in atto di partire)

LUC.

Non usate viltà. (al Marchese)

MAR.

Non l'irritate. (al Marchese)

SAN.

Statevi in casa. (al Marchese)

CAV.

Ad incontrarlo andate.

MARC.

Vado? Resto? Che fo? Taccio o favello?

Che risolver non so. Perdo il cervello.

 

Ho una testa che vola, che gira,

Che mi pare un mulino da vento:

Una ruota nel cranio mi sento

Che il cervello mi fa stritolar.

La paura mi par che m'arresti,

Il dovere mi par che mi sproni,

E all'orecchio diversi mosconi

Sussurrando mi fan disperar. (parte)

 

 

 


Precedente

Successivo

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (VA1) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2009. Content in this page is licensed under a Creative Commons License