Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
quando 65
quandoché 2
quann 54
quanno 238
quant' 61
quanta 8
quante 38
Frequenza    [«  »]
245 cqui
243 com'
242 dico
238 quanno
237 aprile
235 delle
234 giorno
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText - Concordanze

quanno

    Sonetto
1 4 | accorgerai pe ddio sagranne~quanno che sarà cotto er pajjariccio.~ ~ 2 9 | civico~ ~Moàh Menicuccio,1 quanno vedi coso...~Nino er pittore 3 11 | bbene la serva de l’Orefisce~quanno lo vedde8 in chiesa: «Uhm! 4 14 | er zonno e llappitito?~ ~Quanno avevio in quer cencio de 5 14 | romano nun ze bbolla,~e quanno semo a ddí, ssor panzanella,~ 6 17 | 17. Er romito~ ~«Quanno te lo dich’io cachete er 7 24 | imberta e cce se lagna,~quanno sarà dde llà dda li confini,~ 8 47 | scappà ffora er giallo.~ ~Quanno è poi tutta d’oro, addio 9 50 | cquann’è ccotto l’ovo? quanno suda.~Chi ccommanna a l’ 10 52 | accoppati ’na saetta.~ ~Quanno pagh’io, pettristo, a la 11 56 | paga: è storia antica.~ ~Quanno poi vederai troppa magoga13~ 12 57 | penzi a li fattacci sua».7~ ~Quanno ggiuchi un bucale a mmora, 13 58 | lavorà: jje sa de muffa.9~Quanno nun gnene10 dai, campa de 14 64 | parze5a ggnente: abbasta,6~quanno poi curze er cerusico Mori,~ 15 74 | mio bbotta-e-rrisposta.~ ~Quanno ha ssentito er nome de le 16 89 | spicchio d’ajjo, (v. nota 3)~quanno che vvedo a voi tutto me 17 109 | vvorzuto accusí ddelibberamme~quanno ero ar priscipizzio in punta 18 110 | zocché4~che pijjò Ttuta quanno s’ammalò~pe sgranà5 ttroppi 19 111 | sce la stiggno:1~~ eppuro, quanno viè lo sbarzo,2 intiggno,2a~ 20 117 | ccacca si tte disce cocca.6~ ~Quanno tu pparli, a cchi ttira 21 120 | avanti pe nnun cascà arreto.~Quanno entrassi alla vigna in ner 22 123 | La povera Ciovetta,~quanno annerete poi da monziggnore,26~ 23 128 | Ciucciamellona,3~si nun risputi mai quanno che sputa?!~Ma che tte vôi 24 131 | gatto,8 e cchirica de prete,~quanno pisceno a letto, hanno sudato.9~ ~ 25 132 | m’ha, mm’ha arruvinato.~Quanno a mmarenna, quanno a ppranzo 26 132 | arruvinato.~Quanno a mmarenna, quanno a ppranzo e a ccena,~le 27 136 | antro l’hai da véde bbella~quanno da oro se farà3 ttommaca.4~ 28 143 | lagnà cquer che ddiventa.~Quanno in casa uno tira e llantro 29 143 | e ttu jj’attizzi l’ira!~Quanno in casa uno allenta e ll 30 143 | pulenta.~ ~Si un remo scede quanno l’antro incarca,~doppo fatto 31 157 | tricchettracche3~sin da quanno fasceva er vitturino?~ ~ 32 167 | ccome è ffatto:~è ffatto quanno a tordi e cquanno a ggrilli.~ ~ 33 171 | a ddí dde Santo Toto.1~ ~Quanno le cose, Pippo, le dich’ 34 176 | Nun 6 l’innocentina:~quanno dereto a nnoi tôna o llampeggia,~ 35 182 | 182. La frebbe1~ ~Quanno pe vvia de caricà la leggna~ 36 191 | vorà ppiú ccurre pe ffiume?~Quanno bussassi2 io nun potei 37 192 | e ffarina. Er cacciatore~quanno pía6 starne e cquanno storni 38 200 | verzo che ffa er bascio~quanno tra mmaschio e ffemmina 39 200 | ttienuto a ccresima in galerra~quanno ciaggnede pe avé vvinto 40 202 | un certo ggiucarello,~che quanno va ppe mmettese er cappello~ 41 203 | mia,4 nun te cojjono.~ ~Quanno pôzzi5 serví dde mediscina,~( 42 204 | sor Lappa er fiaschettino~quanno capita er passo de l’alocchi?!~ 43 220 | fa ggallina o gallo?~~ ~~Quanno vierà er pangiallo~te vojjo 44 226 | 226. Quanno er gatto nun c’è~li sorci 45 227 | La sorella de Matteo~ ~Quanno stavo a ccrompà1 le callalesse~ 46 229 | mmora all’osteria de Marta:~quanno dereto a llui se sente un 47 233 | bbiastimà, pe ccrisse.3~ ~Quanno se possi a fforza de talento~ 48 235 | preme la ggente che vvierà,4~quanno a bbon conto sei crepato 49 259 | risponne2 e ddichi3 poco~quanno me chiami crapa4 e ggallinaccio:~ 50 261 | er mestier der beccamorto~quanno Iddio mmannà la providenza.~ ~ 51 262 | scarponacci da bburrino~quanno a le mano sce tienevi er 52 267 | conto. Avevo ammalappena,~quanno che mme sposai, quattordiscianni:~ 53 272 | ricurre all’assegnati.~ ~Quanno che li stamporno li francesi,~ 54 312 | minosa, o er paesano?2~ ~Quanno stavio a abbità ttra Rruff’ 55 323 | inteso ttutto quer ghetto~quanno upriveno l’occhi le Madonne.3~ ~ 56 326 | uprí fforni e osterie.~ ~Da quanno ch’è vvienuto Napujjone~ 57 329 | Venardí dde le capate,7~quanno tante vaccine indiavolate~ 58 353 | appuntata in testa la bbautta,~quanno che mme sentii cunnolà2 59 363 | ppiagne a vvita mozza,4~quanno c’una carrozza da Signore~ 60 567 | sito,~e ddamme torto poi quanno bbarbotto.1~ ~Nun ddu’ 61 588 | Tuta,~pe cche raggione quanno se strufina~sto cazzo o 62 591 | torno da scòla1~~ guardi quanno che Mmamma sta in cantina,~ 63 706 | l’ho vvisto.~ ~E vvedde4 quanno ar Papa un Cardinale,~cor 64 932 | adesso la bbonidizzione.~ ~Quanno ch’er Zanto-padre arza la 65 978 | Pe nun guardalla mai quanno la trovo,~vado tutto intisito5 66 987 | mette1 appett’a cquesto~quanno lo pôi trovà ccerchelo puro,2~ 67 989 | nun rubbà mmai ggnente,~quanno er bisoggno nun te scià5 68 994 | ccristallino fino fino,2~quanno ve n’anneressivo3 a ffà 69 994 | er rosario de Ninetta,12~quanno contempra13 l’agliuto de 70 998 | grazziaddio, bbenone.~ ~Quanno un cherubbiggnere4 a Mmonterone5~ 71 999 | scummunicati?~ ~Ma ddunque, quanno li sudditi bboni~mànneno14 72 1008| Iddio de llà ccosa v’intòna~quanno er bene sciarriva pe ssiconno?6~« 73 1019| ddichi8 che sta in ozzio,~quanno, Cristo-de-Ddio, pare un 74 1027| ppascenza:~ma gguardàteve poi quanno comincio.~ ~Doppo, per dio, 75 1039| protetta~ ~Ma Mmonziggnore, quanno un padre affritto1~~ chiede 76 1046| aspetta6 a llui la cunculina7~quanno fa ar Papa da assistent’ 77 1048| Monziggnorino de garbo1~ ~Quanno nun z’abbi2 da poté ffidasse3~ 78 1060| Ricconta un libbro che dda quanno è nnatovvienuta a ppotallo6 79 1065| la Foresta de Minzurli,5~quanno la fa6 cquer pezzo de pasciocca!7 ~ ~ 80 1065| e hai mai visto la neve quanno fiocca?~Fioccaveno accusí 81 1082| sguatteri e sguattere?~ ~Quanno porta sta scusa bbuggiarossa,4~ 82 1083| sua: poi chi ha ggiudizzio~quanno ch’è ppapa lui facci antrettanto.12~ ~ 83 1088| cce l’avería8 mannato.9~ ~Quanno er Monno voleva frabbicallo,10~ 84 1096| faccia.~ ~Piú ppresto,11 quanno mai,12 vacce magara13~a 85 1102| un brigante12 com’e vvoi~quanno che vva a ssoffià13 sta 86 1106| ppiú ccannele accese!...~ ~Quanno dài da maggnà, ddài sempre 87 1132| coso de carne che cce vede,~quanno sc’è er lume, e sta ddrent’ 88 1137| Tesoriere ch’è ccrepato,~quanno stava a la stanga der timone2~ 89 1145| Io nun zo ssi7 dda quanno s’è inventata~l’arte de 90 1146| e ppiú ssu lo scalone,3~quanno poi viè4 vvolanno er cedolone~ 91 1158| notizzie c’hai da prenne1~~ quanno te manna Iddio quarche ppollastro2~ 92 1202| discorzo in lingu’indiana~quanno me venne a vvisità in bottega?~ ~ 93 1208| discevo: «Monziggnore mio,~quanno Lei trova er reo, voi gastigatelo:~ 94 1212| le feste e le viggijje?~ ~Quanno che ssenti mentovà Mmaria,~ 95 1218| ggiorno diventeno ppiú eterni:~quanno,6 senza spregà ttanti quinterni~ 96 1222| giorno der giudizzio.~ ~Quanno che Ggesucristo, arzanno5 97 1239| mmeno~fo avanzamme4 la sera quanno sceno),5~l’inzuppo, lo pasteggio,6 98 1255| cchi ppò ddí er contrario?~quanno se sa ccar giorno der giudizzio~ 99 1291| crédesce1 ppiúna mmaledetta,2~quanno Papi, che ssò Ppapi e Ssovrani,~ 100 1299| ssentenze e a pparlà ttrusco9~quanno me ffruttà bbravi guadaggni!~ ~ 101 1307| ggià bbell’e astremato,5~quanno un zupprente,6 vedenno st’ 102 1319| chiesa e ppredicà la pasce.~Quanno se3 tratta co ggente incapasce~ 103 1333| sempre arincípieta:2 per cui~quanno er pane che cc’è, bbasta 104 1339| da sperà la viteterna, quanno~lui che cce l’ha ppromessa 105 1342| er mastro de cappella.~ ~Quanno la vosce nun ze tiè8 ppiú 106 1350| cche strozzino li preti:~ ~quanno oggni prete è un sscioto10 107 1352| hanno d’avé ttanti ariguardi~quanno, per Cristo, er ceto de 108 1353| pane e un antro7 vino.~ ~Quanno infine sei spinto ar priscipizzio,~ 109 1354| Senti, mi’ nome.2 Fin da quanno io ero~tant’arto,3 me disceva 110 1360| e li stivali.~ ~Cristo! quanno se4 mette a ttemporali~je 111 1362| quadrinello.~ ~Fijjo mio, quanno incontri un poverello~fatte 112 1365| venímio1 bberbello bberbello,~quanno propio a l’entrà de Porta 113 1369| che ttocca a li poeti.~ ~Quanno che li Padriarchi e li Profeti~ 114 1370| sovrano,~come faranno a llui quanno che mmore.~ ~Pe cquesto 115 1375| sserví ddonne,~massimo2 quanno cciucce3 da some.~Lei 116 1376| stava pe ddà la tajjatina:~quanno ecco un frate co ttanta 117 1378| trescento parzeno3 tremila.~ ~Quanno tutú, ttutú, lle pile rotte,~ 118 1393| sta’ attent’a l’orloggio quanno sona;~ch’io pe ssolito allora 119 1402| madrimonio un ber4 conforto,~quanno er cacciasse5 quer tantin 120 1415| russo, vecchio stile.~ ~Quanno che llanno nostro è ggià 121 1432| 1432. Lo sbajjo massiccio~ ~Quanno zomporno1 a Ddio li schibbizzi2~ 122 1443| sa, ttanti scervelli.~ ~Quanno sortanto li gruggnetti bbelli~ 123 1457| bon quarto a mmezzanotte,~quanno, tutt’in un bòtto3 (oh cche 124 1457| paggnotte.~Pioveva foco, come quanno Lotte~scappò vvia ne l’Antico 125 1458| Oggnuno tiè la sua:~poi, quanno viè er padrone je se mostra~ 126 1469| de demoni! E ppare jjeri~quanno abbitavio1 a le stalle d’ 127 1472| pprotezzione dar Vicario.~ ~Quanno nun v’arïeschi èsse4 sposate~ 128 1481| dimanne a ttesta per aria~ ~Quanno lòro s’incontreno, Bbeatrisce,~ 129 1489| ppeggio.~ ~Je lo dico pur’io quanno je porto~la mutatura: «È 130 1517| io la conosco ar pelo;~e quanno torna a ccasa c’ha pperduto,~ 131 1528| avanti vanno addietro!~ ~Quanno nun c’è ppiú istateppiú 132 1532| sentenziato dilinquente,~quanno va ssu le forche è ccompatito,~ 133 1535| che ffacci colazzione.~ ~Quanno mmorto io damme de bbarba:~ 134 1537| lezzione1 de Papa Grigorio~ ~Quanno sparò er cannone, Bbëatrisce~ 135 1539| ho da patí de ggelosia,~quanno che ppe la Vergine Mmaria~ 136 1540| ssentí er Papa in concistoro~quanno sputa quarcantro1 cardinale~ 137 1542| svaria;6~e questo canta, quanno sente l’aria,~come er fischietto 138 1563| un tantino d’ariguardo!~ ~Quanno avevi ste bbuggere de vojje,~ 139 1567| vvist’io dar luscernario~quanno se’ ita sotto a Ggiammatista.1~~ 140 1569| ggnisunomo è ddeggno,~ ~quanno se sa cche in qualunqu’antro 141 1572| che llòro e li prelati,~quanno senteno guai, tutti arrabbiati~ 142 1574| róppete er filello.~ ~Cristo! quanno cominci ffaccenne7~che 143 1575| bbrutte, o nnove, o vvecchie,~quanno er zentí ddiscorre ve fa 144 1576| annateve a ffà squarta.3~ ~Quanno er padrone mio sta ar tavolino~ 145 1579| acconcími che mme nnegà.~ ~Quanno fra de noi dua s’astipolò~ 146 1580| e dducannele accese.~ ~Quanno nun z’abbia carità, nnun 147 1584| come er chirichetto Ascanio~quanno sbròdola3 troppo lo stuppino.4~ 148 1586| sta carcia, pe le scòle,~quanno arimane nuvolo, arimane,~ 149 1589| zzampane!~ ~Io so che inzin da quanno dar zor Pietro~hanno armato7 150 1593| furtuna~ ~A cquer zor tale, quanno magro e affritto1~~ fasceva 151 1599| scianchetta1 Santissima~ ~Quanno l’apprivativo2 fu abbolito,~ 152 1617| disse io llí in quer cantone~quanno che vve sposai? «Eh sora 153 1630| bbattenno la scianchetta,5~ ~quanno, che vvòi sentì!,6 de punt’ 154 1650| femminuccia armanco,3 poverella,~quanno me la mannassi4 la Madonna~ 155 1654| ssubbito er conto. Io sc’entrai quanno~ebbe3 lo sturbo che mme 156 1665| faccia? e cco cche amore,~quanno che Iddio le , ffa le 157 1667| cquattrantri lochi».~ ~«E io? Quanno che stacco a la rimessa,~ 158 1668| la siggnora~ ~Fatt’è che quanno in ne l’usscí1 da messa~ 159 1671| bbuggiarata un cardinale?~Dunque quanno parl’io, soro stivale2~nun 160 1674| Te ggiuro, Anna Maria: quanno er padrone~se1 vortò a bboccasotto 161 1687| dio, scera de grano.5~ ~Quanno li Turchi dicheno volìra,~ 162 1692| Bberlicche.~ ~Io so che quanno prese7 vostro padre~me fésceno 163 1711| zentí2 è la folla de paíni,3~quanno ch’essce la folla da la 164 1723| infirzà cquarche pparola~quanno la man de Ddio nun ce fraggella.~ 165 1739| Governo der zagro Colleggio!~Quanno sce 5 de mezzo li siggnori,~ 166 1741| donne hai da ccome fai tu~quanno bbevi favetta pe ccaffè:~ 167 1743| 1743. Ch’edèra?1~ ~Quanno Adamo azzardò cquella maggnata,~ 168 1750| Er còllera mòribbus]~~ ~Quanno parli accusí ccore mio bbello,~ 169 1755| vonno ch’er popolo s’ammali~quanno la forza sc’è? Ssiin’ammazzati!~ 170 1771| oppuro9 de bbudella.~ ~Quanno sta verità ss’è bben capita,~ 171 1799| ggiubbilati12 e mmessi novi.~ ~Quanno sce 13 de mezzo ommini 172 1804| giulio! è ccosa bbuffa,~quanno c’avémo poi for de le cchiese~ 173 1821| forzi1 quarche mollica quanno pranza?~ ~Sperà bbene da 174 1821| sse n’aricorda pe ffavore~quanno maggna la sarza co l’asceto.8~ ~ 175 1824| ancora nu li so ccapí.~ ~Quanno quer che ppe un prete è 176 1830| La pantomína1 cristiana~ ~Quanno er popolo fa la cummuggnone2~ 177 1836| Me sce ttrovo io2 quanno a Tturlonia~quer zampietrino 178 1837| monno io nun zo,5 Rrosa,~quanno che nnun ze spenneno6 quadrini~ 179 1848| tutto io, pasciocca mia,12~quanno ar vedette13 me t’affiaro14 180 1850| sangue che jje dura~sin da quanno fu messo in prelatura~quer 181 1858| ppur’io guasi1 compaggna.~Quanno annài cor padron de zi’ 182 1866| ggranni ppiú de quelli.~Quanno lei commannava du’ bbudelli,~ 183 1867| affatto; e cquer gargante12~quanno c’aritornai, me cacciò vvia.~ ~ 184 1874| la tartaruca de zi’ Nèna~quanno aritira er collo in ne la 185 1876| ddí mmezzo dolore.~ ~Quanno una vedovella sderelitta5~ 186 1880| faría spianà ppuro le case~quanno je se toccassi9 una pianella.~ ~ 187 1893| m’aricordo er come e ’r quanno~j’ho vvennuta la scatola: 188 1893| Eppoi, chi ha llocchi,~quanno che ccrompa1 l’ha da uprí, 189 1899| d’avé vvinto un terno.~ ~Quanno che schiatti vojjo un 190 1904| luscernario10 spalancato?~ ~Quanno le cose ddette una, dua,~ 191 1905| vvoi ve tocca de discorre quanno~pissceno le galline:13 avet’ 192 1907| llomo è un gran cardeo8 quanno s’ammojja.~ ~Oggi madama 193 1910| Accidenti che rrazza de paese!~ ~Quanno servi le ggente duzzinale~ 194 1916| padroncino mio~che vvita fa da quanno è rricco-maggna?1~~ Spenne 195 1933| ne volevo una duzzina.~ ~Quanno me venne pe investí, mme 196 1938| na gran parola ssciocca,~quanno se vvedé6 da la finestra~ 197 1948| fattarello de Venafro1~ ~Quanno dunque sia vero sto rifresco~ 198 1949| ber quadro a sguazzo1~ ~Quanno vojjate véde2 un quadro 199 1953| io je lo davo; perch’io, quanno posso~ un zervizzio,4 200 1957| attaccalite.~ ~Loro credeno4 quanno vvistite5~e ttiengheno6 201 1971| aspèttito de la ggiustizzia~~ ~Quanno a vventora e ppiú monziggnor 202 1977| E cciò li tistimònî1~ ~Quanno che er Zanto-padre passò 203 1986| cche lo strumento canta~quanno se5 sa che uno strumento 204 1988| pe ddio, li lanternoni.~ ~Quanno ve mette lui le manaddosso~ 205 1995| bbellezza e bbontà ddoppia~quanno ve vederanno avanti ar prete~ 206 1996| provatura marzolina.8~ ~Quanno jerzera je portò Mmadama~ 207 1999| Ah! vvanno male».~«E da quanno?» «Dar tempo del collèra».~« 208 2002| ttorto; e ’r Papa je lo prova~quanno er zantomo va in carrozza 209 2023| chi vvò ssentì Ppasquale~quanno lo sa, cchereno tanti amichi!~ 210 2030| piedi.~Voi ve sbajjat’assai: quanno ciaggnedi,~sonava mezzoggiomo 211 2034| 2034. Li collarini~ ~Quanno avevo da mette quer regazzo~ 212 2037| la caccia è usscito fori~quanno ggià sti futtuti cacciatori~ 213 2068| primo de toccà er cantino,~quanno viè ppoi la sua bbisoggna 214 2083| zai la novità? Jjerzera, quanno~te lassai llí a la Pasce 215 2086| perch’io nun ppiú io quanno fatico.~ ~E lo sapete voi 216 2089| mio: Fior d’oggni pianta:~quanno parlate voi nun ve sto attenta,~ 217 2089| attenta,~perch’io m’addormo quanno er gallo canta».~ ~« ssentitem’ 218 2091| 2091. Er zervitore novo~ ~Quanno lei me mannò co cquelinguille~ 219 2099| piaggnolente~che ppare un gatto quanno fa l’amore...~ ~Ma cc’è 220 2119| cose deve avelle intese:~quanno stava cquaggiú, trallantre 221 2157| ssei, manc’una!~ ~Sin da quanno ch’er zio je lassò er forno,~ 222 2175| come vòi ch’iddio l’ajjuti~quanno sce viè a imbrojjà ppe li 223 2176| bballà la tarantella.~ ~Quanno te guarda llí cco cquel’ 224 2205| buggiaramme~si nun nnate quanno mòrze Aronne.~ ~Quelle llí, 225 2232| indove diavolo ho da stenne,~quanno nun ciò cche sta finestra 226 2235| ssinar zolaro.~ ~Pènzete quanno poi venne de via~er padrone 227 2241| parla ar zupaese.~ ~E che quanno sciangotta cor Marchese~ 228 2241| accorta però sta puttanella~quanno c’oggi j’ho detto a l’improviso:~« 229 2245| entravo co la pasce mia,~quanno da un bussolotto in d’un 230 2247| dico, e llei, sor Pïuccio, quanno penza~de trovà una regazza 231 2250| indove je pijjeno le dojje~quanno popola er monno de bbastardi!~ ~ 232 2253| stuscelli e sti scetroli~quanno ggireno attorno a una regazza~ 233 2262| appuntamenti su la luna~ ~Quanno stavo a Ppavia cor padroncino~ 234 2268| appresso de sicuro.~ ~Come?! quanno l’ha ddetto, era ubbriaco?~ 235 2271| munzú, dda scerta ggente!~Quanno viè llei, de bbotto io faccio 236 2273| volevi crede: e mmó lo credi?~Quanno una casa casca, le mascerie~ 237 2273| improperie~l’ho aùte puro io quanno sciaggnedi.~ ~Ce sei vorzuta 238 2279| dura:~staremo in cianche quanno scotta er zole.~ ~21 febbraio


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License