Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
fattijjoli 1
fattisi 1
fattizie 1
fatto 179
fattogli 1
fattoje 1
fattole 1
Frequenza    [«  »]
182 marzo
180 settembre
180 tanto
179 fatto
178 dar
177 dunque
177 male
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText - Concordanze

fatto

    Sonetto
1 Int | coniugate: per esempio hai fatto, avevo detto, averanno camminato, 2 11 | in chiesa: «Uhm! cianno9 fatto~un gran brutto strucchione10 3 16(10) | Ambrosio; e quindi un confronto fatto dal signor Domenico Biagini 4 16(10) | della quale il D’Ambrosio ha fatto un continuo plagio, viziandola 5 23 | ll’affittuario~che jj’ha fatto crompà llovo e ’r purcino.6~ ~ 6 34(9) | È fatto l’ordine di successione 7 37 | li capelli~ ~Vôi sentí un fatto de Tetaccia1a storta,~la 8 44(17) | Si pretende che questo fatto sia realmente accaduto così.~ ~ ~ 9 58 | ccosa buffa~che sto fio2 fatto a sconto de piggione,~o 10 60 | Commare mia,~che nun aveva mai fatto l’amore,~pe un zinale me 11 74 | bberbello10~j’ho detto er fatto mio bbotta-e-rrisposta.~ ~ 12 83 | Pijjate un grancio: er fatto der dragone~nun fu un cazzo1 13 83 | Manco male! Ebbè, er fatto, sor Felisce~mia, fu assuccesso 14 97 | ppare un pistello!15~ ~Fatto in Morrovalle, il 7 settembre 15 105(4) | sbocco della Cloaca massima, fatto e rifatto in più epoche, 16 105 | me sta ccara:~e pe cquer fatto drento a li carzoni~nun 17 131(9) | Hanno sempre la scusa del fatto.~ ~ ~ 18 143 | quanno l’antro incarca,~doppo fatto un tantin de mulinello~se 19 162 | tanta de natta,~m’hanno fatto portacce una credenza.~ ~ 20 168 | Er pane casareccio~ ~Hai fatto er pane in casa1 eh pacchiarotta?2~ 21 171 | tterremoto.~ ~Si de sto fatto nun vôi stà a lo scuro,~ 22 183 | Raffaggna.5~ ~E ppe l’appunto ar fatto de la viggna,~diventato 23 191 | Zuzzovijja:~be’, da sto fatto che ne strigni? Oh guarda~ 24 218 | Bbecche zzitella, hai fatto un par de bbozzi~c’assomijji 25 229(6) | Trastullo fanciullesco, fatto con carta in modo ripiegata 26 230 | Tante teste de morto! eh, un fatto serio!~ ~Vedo però che cquanno 27 238 | ccosa è nnato.~ ~Cianno fatto un ber lago, contornato~ 28 248 | Sonetti 3~~ ~Nun ho mai fatto un cazzo l’assassino,~ma 29 252 | a lletto~ annà pper fatto suo com’un ziggnore.~ ~Roma, 30 253 | peccati er piú ppeccato~c’abbi fatto ppiú mmale a ttutter monno?~ 31 304 | santa Confessione~ ~Avessi fatto ar monno ancora ppiú~de 32 314 | trommetta5 ar vicariato.~ ~Detto fatto ordinonno ar bariscello~ 33 321 | co ddueditti solamente~fatto viení, ddeograzzia, un accidente~ 34 321 | in cuer frufrù2 nun hanno fatto ggnente.3~ ~E stantri cavajjeri 35 321(3) | vuol dire non aver essi fattomalebene. 36 341 | Iddio quattr’occhi j’abbi fatto~a sta Sant’avocata de li 37 359 | rricordo, inzino~ce s’era fatto er nodo ar fazzoletto.~ ~ 38 368 | pportanne scento.~ ~In cuanto ar fatto poi de le corone,~cuanno 39 386(4) | presentazione del quale è fatto luogo al pagamento del premio 40 396(4) | Appena fatto; traslato preso dal pane 41 401 | Dar tett’in giú8 s’è fatto l’impossibbile~pe pportallo 42 402(3) | barbiere esclamò: «Ah! ci avevo fatto sei barbe, e proprio voi 43 425 | frati d’un paese~ ~Senti sto fatto. Un giorno de stistate~ 44 441(7) | colpisce dicendo il di lui fatto. 45 464 | viemme.10~ ~Io bbado ar fatto mio: ciò la commare,~nun 46 474(1) | mista alla viltà, e ciò in fatto di contese che va sempre 47 478 | ttutto-cuanto sto tesoro~fussi fatto pe un cazzo scirconciso.6~ ~ 48 479 | covo2~de cuer paese c’hanno fatto adesso.3~ ~Disce4 che jj’ 49 490 | Pponte-Sisto,~come nun fussi fatto suo, l’hai visto~pijja co 50 506 | a nnoantri soli sto bber fatto,~e sse pagheno poi li cardinali?».~ ~ 51 506(3) | degli Ebrei. Vedi su questo fatto i sonetti… 52 513 | guardi!~ ~Nun avessi Iddio fatto antro che cquesto,~saría 53 516 | canonichi stanotte~nun hanno fatto antro c’una vita:~canta 54 524 | ch’er Canonico c’hanno fatto mo~quiggiú a la Bbocca-de-la-Verità,1~ ~ 55 542 | amico der facocchio~l’hanno fatto legà pe ggiacubbino.~ ~Tutto 56 559 | cojjoni a la cuccagna?~ ~Hanno fatto bbenone: armanco adesso~ 57 591 | cquale,~ ~o ssi ttu mme sciai fatto la cornisce?4~Eppoi tu ttanto5 58 599 | uno davanti~fasceva er fatto suo, uno dereto.~ ~Tratanto 59 604(2) | Da Epifania si è fatto Befania, ovvero la festa 60 628 | che nun z’è mmai trovo,~fatto a mmezzo serpente e mmezzo 61 634 | cquanti passi me sce fussi fatto~nun c’era da ottené pe ggnisun 62 670 | creso5 ch’io~doppo quer fatto, senz’antro strapazzo,~guadaggnasse 63 693(3) | a colui che ad arte si è fatto procedere a una dimanda, 64 695 | mio~sta llí llí ppèsse fatto monziggnore.~ ~E ggià mm’ 65 705(3) | trapassato. Di queste candelette fatto poi un cumulo, si vende, 66 716 | hai fatta tonna».~ ~Ma er fatto annò ccher povero regazzo,~ 67 736 | forno, o dde la mola,~er fatto sta cche la paggnotta ar 68 759 | stracco~d’ariccontavve er fatto a la distesa.~La pecora 69 776 | faccia le parole.~ ~Ma er fatto sta che ccorre un mese, 70 777 | caro~~ ~Nu l’avesse1 mai fatto! Sto curiale,~fratèr caro, 71 783 | abbase2~d’un antro, e un fatto t’arichiama un fatto.~ ~ 72 783 | un fatto t’arichiama un fatto.~ ~Parlàmio3 de li frati 73 784 | disse: «Bravo! nun ciai fatto ggnente:10~ecchete scento 74 786(10) | Riocare», per «ripetere il già fatto»: translato tolto dal così 75 835 | duncue coll’ajjetto5~c’avete fatto una gran bell’impresa!~ ~ 76 843(7) | Roma. Avvertasi che questo fatto, è d’invenzione. 77 845 | ebbrei?~ ~E una vorta c’hai fatto sto peccato~hai tempo d’ 78 849 | vienissi tu~a ffà cquer fatto e arillegramme un po’,~Don 79 863 | Governo~ ~Duggiorni doppo er fatto der cortello~pe vvia de 80 863(13) | illustre, sono un furto da me fatto ad un sonetto di un mio 81 866(6) | Qui, fatto equivale a detto.~ ~ ~ 82 874 | ccampa.~ ~De tutto è stato fatto er zurapporto:~ma cche 83 882(1) | Questo fatto veramente accadde presso 84 882(6) | entro un convento per averle fatto paura nel gridare mercé.~ ~ ~ 85 897(1) | antico carcere Mamertino, fatto costruire dal re Anco Marzio, 86 930(1) | Fatto veramente accaduto in Roma 87 955 | Mamm’e Ttata.~ ~Ma llei dar fatto der decan4a de Flessce,5~ 88 962 | sonetti,~ch’er Tasso sciavrìa7 fatto un istrumento.~ ~Cantò ’na 89 977 | cattive e dde le bbone~c’abbi6 fatto in zuvita er poveretto:~ 90 1002(3) | dicesi ad uomo lungo e mal fatto. 91 1004 | io me ne frego;7~ma, ar fatto è un’antra sorte de latino.8~ ~ 92 1008 | oggni sorte!~ ~Nun hanno fatto mai ccusì li Santi.~Bbisoggna 93 1028 | er zudolore~m’avería6 fatto 7 ppovera fijja!~ ~Ma 94 1045 | mese~chi ddisce che ssii fatto Bbarberini,~chi Ssantacrosce, 95 1083 | sta perzica-durasce?3~«Ho fatto tanto pe arrivà ar Papato,~ 96 1100 | abbasta no er male che mm’hai fatto,~che mme vòi strascinà ppropio 97 1100 | cquela fronte che cciài fatto er callo.5~ ~Nun vòi 98 1100(5) | Che ci hai fatto il callo: che hai incallita 99 1103(14)| ci si danno arie da uomo fatto. 100 1106 | , ppovero padrone, hai fatto male~a mmannà6 la tu’ robba 101 1140(3) | Allorché si ascolta un fatto incredibile si dice: Mettetela 102 1148 | Ch’er zor Caino doppo er fatto d’Eva~ammazzassi2 quer povero 103 1153(2) | Pontefice ha per la prima volta fatto la lavanda a’ pellegrini, 104 1175 | io~j’aridisse tratanto er fatto mio,~come fussi una lettra 105 1179 | quivico3 voi. Sentite er fatto,~e vvederete poi ch’è un 106 1195 | padre Semmolella,~aveva fatto la su’ gratella~da oprí 107 1203(1) | fra le due prime misure fatto nascere elisione, non troppo 108 1206 | Chi la tira, la strappa~ ~Fatto Adamo padron de l’animali,~ 109 1208(10)| Realmente questo fatto è accaduto non ha guari, 110 1214 | calla?~ ~Bbe’, ll’hanno fatto ggià ttonno-de-palla;2~e 111 1219(1) | La bravata, gridata. Fatto storico del giorno 20 aprile 112 1240 | ch’edè?6 Ttutto er gran fatto~è un canario scappato da ’ 113 1253 | soffogati...~Cos’averanno fatto, eh ggiuvenotti?3~ ~29 aprile 114 1263(4) | loro soppressione come un fatto di personalità, in quanto 115 1264 | misura de la panza,~hanno fatto Capitolo. E sse3 noti~ ~ 116 1272(5) | La procella allora, dopo fatto il suo corso, cessa e ridà 117 1278 | appress’a ppoco,~è un omo fatto d’ossa, carne e ppelle,~ 118 1283 | tribbunali,~è cche nun ciàbbi5 fatto aggiuggne un orto.~ ~Nun 119 1290 | Papa, io. Doppo avé ttanto~fatto er foco dall’occhi, all’ 120 1296(5) | misere largizioni, hanno fatto revocare un divieto troppo 121 1327 | zoggno. Uhm, quest’è un fatto~da fàcce12 un zeggno cor 122 1352(1) | della Beata Vergine sul fatto del loro concepimento. 123 1367 | bbuffone~ve negherà cche Iddio fatto in tre quarti~ èsse un 124 1373(5) | Vaso da olio, con becco, fatto di latta. 125 1374 | piggione.~Pe cquanto abbino fatto, Annamaria,~nun ciò2 ppotuto 126 1377 | inzino er diavolo~sii stato fatto a immaggine de Ddio.~ ~Eh 127 1381 | sciarimannassi8 addietro~doppo quer fatto de la serva e ’r gallo.~ ~ 128 1384 | oppuro4~ch’er fiume j’abbi fatto mulinello,~fatt’è cche s’ 129 1403 | saría6 caso che sse(4) fussi fatto~serrà in zuffitta?7 Vòi 130 1412 | maggnapane.~ ~Sai chi hanno fatto re? dínne un’infirza.3~Un 131 1416(9) | ed arrestò l’ubbriaco. Fatto tutto il Duca sbucò dalla 132 1454 | la staggione~che jj’abbi fatto de vorta ar muscolo?7~ ~ 133 1487 | d’Orlanno:~come ve sete fatto carestoso!~ ~Varda6 cqui 134 1514(11)| storica. Il funerale fu fatto con largizioni spontanee 135 1529(28)| i vivi non valendo gran fatto più de’ morti, si è creduto 136 1545 | è mmorto,~bbecc’abbi3 fatto testamènto, er fijjo~dipenne 137 1563 | gajjardo,1~~ e vvonno j’abbi fatto ggiú ppellossa~una caterinaria2 138 1606 | si li senti!,5~m’hanno fatto inzinenta6 er bonuffizzio~ 139 1616 | padrona pe ppijjà er corzè~fatto a l’usanza de Monzú Ggabbè,2~ 140 1622 | me n’annavo in giú pper fatto mio,~quann’ecco che l’incontro, 141 1626 | ccapo-facchino in doganella;~e ’r fatto sta, ccapite voi?, che cquanno~ 142 1627 | Un inzoggno1~ ~Me so2 fatto un inzoggno. Me pareva~d’ 143 1639 | arte in mano,~ ddísse8 er fatto suo, e arzà la testa,~e 144 1656 | ffatto ggnente,~e sta pper fatto suo drentar zunido!~ ~ 145 1667 | la rimessa,~disce: “C’hai fatto?” “Ho fatto un accidente”;5~ 146 1667 | disce: “C’hai fatto?” “Ho fatto un accidente”;5~e ’ggni 147 1686 | carcio in faccia e nun hai fatto ggnente.~ ~Lei la ccotta 148 1706 | e ’r vecchio Simeone.~Er fatto eccolo qui ssémprisce e 149 1717 | ha ppartorito Nina,~e ha fatto un maschio ppiú ggrosso 150 1758 | cquer povero Bertollo3~abbi fatto una lègge da cazzaccio~che 151 1760 | collèra, o ffora o ddrento,7~fatto c’abbi er zucorzo, fijji 152 1763 | antro mese,4~cosa j’aveva fatto? un accidente?~ ~Vedé bbuttà 153 1763(4) | il terrore del cholera ha fatto finalmente riconoscere il 154 1802 | fficcalla in un bussolo d’oro.~ ~Fatto questo se3 venne a la lettura:~ 155 1806 | 1806. Er fatto de la Con v’entri1~ ~Oh 156 1811 | ho ssaputo com’è ito~er fatto che vvoi sempre ariccontate~ 157 1873 | pittore;~ma in fonno er fatto è vvero, sora Rosa,~com’ 158 1900 | l’abbi stregato~e jj’bbi fatto cquarche ffattura.~ ~ 159 1919 | ne sana patacca2 de sto fatto?~Io nu l’ho rrotta: sarà 160 1934 | fame a Tterrascina~avenno fatto un po’ de ribbejjone,~er 161 1937 | caristía; ma indov’è un fatto~da poté ddí ccher Papa 162 1962(4) | Li prendo sul fatto. 163 2000 | guardamento~che mm’abbi fatto arivortà er budello.~ ~Ma 164 2006 | bbaruffe~ ~Quest’è un fatto: da cche sse sposonno~ 165 2012 | er Prencipe Turlòni~abbi fatto viení nnove camei,1~~ che 166 2021(7) | distrutti i cani col solo fatto della pubblicazione, di 167 2061 | SsantUstacchio~c’avete fatto lei, sor Archidetto,~accusí 168 2066 | ar culo, cocco mio, ciài fatto er callo.~ ~26 dicembre 169 2119 | zapete come li peccati~hanno fatto la cchiesa militante.~ ~ 170 2131 | antro, perch’è un abbreo fatto cristiano,~l’ha vvorzuto2 171 2132 | Ggesucristo?~Era un poverebbreo fatto cristiano.~ ~Quanti viveno 172 2147(7) | ogni giuoco era buono, o fatto colla propria, o coll’altrui 173 2189 | spezziale:~«Sapete chi hanno fatto cavajjere?»~ ~«Lo sapemo», 174 2202 | amore!~La mojje, inteso er fatto, se la cojje~e vva dar zuprïor 175 2215 | caro sor mastro:~ve sete fatto una gran bella sposa!~Ma 176 2233 | 2233. Er fatto de la fijja~ ~Lui, propio 177 2235 | disse: «Eccheme cqui: mmo er fatto è ffatto,~e jje confesserò 178 2270 | e lluva ascerba,~m’hai fatto vvenne li lavori in erba...~ 179 2273 | vorzuta annà: bbe’, ccos’hai fatto?~Nemmanco un po’ de pane


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License