Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Alfabetica    [«  »]
val-de-ggiosaffatte 1
valcante 1
valcimara 5
vale 123
valé 2
valendo 1
valente 2
Frequenza    [«  »]
123 donne
123 parole
123 quel
123 vale
122 primo
121 ffa
120 cuanno
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText - Concordanze

vale

    Sonetto
1 44(8) | apoplessia fulminante. Qui vale «immediatamente». 2 51(1) | scuotendo vivamente il capo, vale condanna dell’opinione altrui.~ ~ ~ 3 80(5) | Equivoco; e vale: «Ti sposo in grazia degli 4 86(2) | Esser l’asso, vale «essere il primo in checchessia». 5 97(7) | dal maneggio de’ cavalli. Vale «vincere». 6 111(1) | Stignarsela con alcuno, vale «vedersela, combattersela». 7 112(3) | Scialare vale «sfogarsi in ricreazione». 8 122(16) | Dormire alla bella stella, vale «allo scoperto». 9 127(3) | Ricacchiare vale «risbocciare, ricomparire 10 127(9) | assolutamente nella bocca de’ servi, vale sempre «il padrone», come 11 149(4) | Tela e gambe in collo, vale: fuggire. 12 149(7) | Tanto, qui vale: poiché, ad ogni modo.~ ~ ~ 13 161 | bbè cche, ssiconno me, vale uno strillo.2~ ~Vienghi 14 161(4) | farpalà (scuotere il falbalà), vale «conoscere carnalmente». 15 190(12) | questo senso, il per omo vale anche per «donna».~ ~ ~ 16 208(5) | una statua di cera ad uno, vale: «riputarlo per l’ottimo 17 228 | scusà si è stato male.~ ~Vale ppiú cquer piattin de bbona 18 228(8) | Vale: «poiché ad ogni modo».~ ~ ~ 19 249(7) | ferri, nel gergo volgare vale: «rimanere molto indietro 20 252(4) | avvenire. Fare i cardinali, vale: «sputar sangue». 21 293(13) | Restar sola come un cavolo, vale: «esser lasciato da tutti».~ ~ ~ 22 294(7) | Scappare, in romanesco, vale anche: «uscir dicendo». 23 300(8) | viene da fetare, far l’uovo) vale: «sii feconda, fa’ figli».~ ~ ~ 24 319(3a) | Ballare i grilli in un luogo, vale «esser vòto». 25 344(10) | Escire la nuova di, ecc. vale: «pubblicarsi la estrazione».~ ~ ~ 26 368(2) | falsamento a chicchessia, vale: «vincerlo a confronto».~ ~ ~ 27 372(6) | Pronunziato con vivace impazienza vale: «No davvero!». 28 388(7) | Stringere i panni addosso, vale: «pressare». 29 397(9) | Sparire, in senso attivo, vale: «divorare in un lampo». 30 398(5) | pronunciato come vezzo, vale: «vizzo, floscio». 31 401(11) | Far la frittata, vale: «rovinare un negozio».~ ~ ~ 32 407(3) | Dare, avere il baiocco, vale: «percuotere, esser percosso». 33 419(6) | Dar l’erba fumaria, vale «mandar via». 34 456(9) | Qui sta per «gherminella»; vale ancora: «bugia con malizioso 35 479(2) | Espressione beffarda, che vale «che è andato a occupare» 36 481(2) | aggiunger lana al drappo, vale: «dir più del vero». 37 483(5) | Imperativo, vale: «zit! silenzio!». 38 484(4) | Gonfiar le coste, vale: «molestare, annoiare». 39 490(3) | Legar come un Cristo, vale in Roma: «legare fortemente». 40 493(3) | sangue verso di alcuno, vale: «prenderlo in odio». 41 517(3) | altrui mordersi il gomito, vale: «prendere vendetta, farlo 42 565(6) | Squagliarsi i cerotti, vale: «perder pazienza». 43 566(8) | quale nel gergo romanesco vale «non adatto, non conveniente». 44 570(1) | Uno per omo vale: «uno per cadauno», qualunque 45 575 | ffussi ggià ppoco tignosa?5~ ~Vale ppiú cquer tantin de pulizzía~ 46 575(6) | Vale più ciò, che qualunque altra 47 577(2) | preso dal giuoco dell’oca, e vale: «ripetere il punto». 48 578(3) | tenere il moccolo, ecc., vale: «fare il testimonio degli 49 618(2) | Impicciar le carte da sé, vale: «fare e disfare a suo senno». 50 621(3) | che in frasario romano vale festa di divozione e non 51 653(4) | Sputare su qualche cosa, vale: «disprezzarla». 52 656(6) | Colcare alcuno, vale: «farlo giù, ingannarlo». 53 657(3) | Avere il male della lupa, vale: «divorare, anziché mangiare». 54 669(7) | Dare una scoccata vale: «chieder danaro senza esserne 55 673(2) | Vale anzi «ruina» che «danno». 56 701(1) | una cosa per cerbottana, vale: «udirla sussurrare fra 57 708(9) | Cuoce. Cuocere, vale: «essere a cuore, toccare 58 711(4) | Far le gambe fichetto, vale: «piegarsi per fiacchezza». 59 712(1) | cazzotti, nel senso attuale, vale: «essere in numero tale, 60 731(9) | Scoprire, ecc., vale: «esporsi».~ ~ ~ 61 748(16) | pettirosso, o a pettirossi: vale «morire».~ ~ ~ 62 751(5) | Partirci vale quasi: «prendersi una libertà 63 766(12) | tenda e freni il carico. Qui vale: astringilo coi doni al 64 774(3) | Cascar bene, vale: «aver buon successo in 65 779 | Ttordinone1 er ballo~nun vale manco un pelo de la monna;~ 66 784(9) | guardar dietro o appresso», vale «non cedere altrui in generosità 67 798(6) | obligazione di strumenti, etc.». Vale: «annesso per legge, per 68 799(7) | San Marco vale «per forza». 69 818(5) | Far tonnina, vale: «ridurre in minutissimi 70 833(2) | Essere una vigna» vale: «aver buon tempo». «Ingrassar 71 835(5) | Consolarsi coll’aglietto: vale: «prender consolazione di 72 842(26) | anteriore, cioè ai trenta, vale a dire si torna a passare 73 855(7) | Tornare: in questo senso vale: «trovare il suo conto». 74 867 | arregghi3 uperto nun te vale.~ ~Er celo è nnero nero 75 876(9) | Arrampicarsi: qui vale «tenersi su con sofismi». 76 893(4) | Passar la banca» vale «venir la sua volta». 77 896(9) | Aver la croce in saccoccia» vale essere senza denari. 78 916(5) | coll’olio santo in sacconcia vale: «essere sempre in pericolo». 79 927(2) | Impicciare, qui vale «rimediare con ingegno, 80 938(2) | Far terra per ceci, vale: «morire». 81 965(10) | Salara; salar la messa. vale: «lasciarla, non udirla».~ ~ ~ 82 983(1) | Far patto-stucco, vale: «fare un contratto complessivo 83 1000(5) | di origine classica, che vale «fedifrago». 84 1012(2) | Fare le divozioni, vale: «accostarsi alla penitenza 85 1022 | co llòro er repricà nnun vale.~Tanto come che ffai sempre 86 1037(3) | Calare la pizza, vale: «abbassarsi il prezzo dei 87 1056(6) | è disciolto l’umbillico? Vale: «siete stranita?». 88 1065(12)| meraviglia e all’entusiasmo, si vale sovente di simili espressioni 89 1067(5) | Nell’accezione romana, vale piuttosto «casupola». 90 1067(12)| nei linguaggio del popolo, vale fare il muso, comporre il 91 1091(2) | suono che manda il cuculo; e vale negativa. 92 1091(8) | di quelle barbarie. Qui vale: «dar tormento, tenere in 93 1100(2) | dal giuoco delle carte, e vale: trapassare il giusto segno. 94 1105(6) | Essere a cavallo, vale: «aver conseguito l’intento». 95 1130(6) | Scocciare, vale: «cavare altrui il ruzzo: « 96 1149(5) | Sterzare, voce dell’arte, vale: «dare indietro, dirigendo 97 1150(5) | Fare altrui bara di stoppa, vale: «lasciarlo al secco di 98 1186(11)| Attàccatela al dito, vale: «sia questa l’ultima». 99 1226 | sti casi,~ché vventi scudi vale uno a bbuttallo:~quantunque 100 1236(9) | Ahà, vale «sì, sì, bene, bene». 101 1239(6) | Pasteggiare, vale: «mangiare assaporando». 102 1241(4) | il voto per checchessia, vale: «avere avuto alcunché una 103 1284(7) | Amico cerasa, vale semplicemente: «amico». 104 1285 | ggiacché ppe ccerti carcerati vale~e ccertantri3 invesce 105 1287(1) | andromatico è quello di cui si vale un certo occhialaio romano 106 1422(10)| Prendere a cottimo, qui vale: «abusarsi di altrui».~ ~ ~ 107 1478(1) | le pulci nelle orecchie, vale: «suscitare in altri apprensioni, 108 1547 | bbestia, sce scommetto,~si nun vale ppiú llui che sto pietrone».~ ~« 109 1562(3) | Andare in bisboccia, vale: «divertirsi, crapulare». 110 1589(8) | Non puoi cedere, qui vale: «incredibile a dirsi». 111 1619(3) | così assolutamente detto, vale: «il padrone». 112 1682(5) | Frase che vale: «siete cieca». 113 1691(6) | con entrambi gli o chiusi, vale: «finito, consumato». 114 1701(2) | accento nella prima i, e vale: «sinistre». 115 1705(10)| Palamita. Qui vale «uomaccione». 116 1753(4) | Ingrufare. vale: «coire». 117 1756(4) | Vale a dire che il mondo. 118 1871(12)| indietro: proverbio che vale: «addurre scuse troppo sollecite 119 1907(10)| semplicemente battere, batterci, vale: arrogarsi petulantemente 120 1910 | nobbile lo sciti e nnun te vale.~ ~4 marzo 1837~ ~ 121 2100 | po’, lo sturione quanto vale?»~«Ne vvenuti dua, ma 122 2152(4) | Alzar la mano, vale «assolvere, usare indulgenza». 123 2162(1) | Derisore. Dar la guazza, vale: deridere, beffeggiare,


Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License