Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1298. Li Maggni

 

Pijjo un posto ar Teatro der Pavone
e cce trovo pe ffarza Carlo Maggno.
Entro in chiesa a la predica, e un fratone
me bbutt’avanti san Grigorio Maggno.

 

M’affermo1 dar zantàro2 in zur cantone,
e sta vennenno3 un zan Leone Maggno.
Vàdo a l’Argàdia4 a rripijjà er padrone,
e ssento nominà Llesandro Maggno!

 

Cazzo! e ssi5 a cquer che ddicheno, sti maggni
6 ssovrani, e pperché sti distintivi?
Li sovrani nun ttutti compaggni?

 

Saranno o un po’ ppiú bbelli o un po’ ppiú bbrutti:
ponnèsse o mmeno bboni o ppiú ccattivi;
ma articolo maggnà, mmaggneno tutti.

 

14 giugno 1834

 




1 Mi fermo.

2 Santaro. Così vengono chiamati dal popolo i mercanti di stampe.

3 Vendendo.

4 Arcadia.

5 Se.

6 Sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License