Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1309. Monziggnor Maggiordomo

 

Ohé! Gguai a Ppalazzo. Er Zanto-Padre
è vvienuto a scoprí ccher Maggiordomo,
che in tuttoquanto er resto è un galantomo
ha un tantinello le manine ladre.

 

Disce1 che sto ggenietto er poveromo
l’ha pportato dar corpo de su’ madre,
e cche n’ha ffatte tante e ttonne e cquadre,
che cchi ssa scrive2 stampanne3 un tomo.

 

Nun è mmica che sfassci li cassetti:
sortanto in de li conti de le frabbiche4
sta a mmezzo co l’artisti e llarchidetti.

 

E ’r Papa, che nnun manca de scervello,
c’ha ffatto! Ha ddetto duparole arabbiche
su in concistoro, e jje5 darà er cappello.

 

18 giugno 1834

 




1 Dicono, dicesi, ecc.

2 Scrivere.

3 Può stamparne.

4 Fabbriche.

5 Gli.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License