Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1310. Zia

 

Che sse vojjino1 bbene, che da un mese
lui se la porti a spasso oggni matina,
che vvadino a ffà cquarche scappatina
pe li macchiozzi de villa-bborghese,

 

sin qui cce sto:2 mma cche sse siino prese
scertantre3 libbertà, nnun me cammina.4
Questo, credete scerto, sora Nina,
ttutte sciarle e invidie der paese.

 

Pe llui,5 ppò ddarzi che jje l’abbi chiesta:
ciaverà fforze provo:6 nun zaprei:
ma in quant’a mminipote, è ttroppa onesta.

 

E cche lluittantantri sciscisbei
jabbino mai potuto arzà la vesta,
questo è ssicuro, e mme l’ha ddetto lei.7

 

18 giugno 1834

 




1 Si vogliano.

2 Sin qui ci convenga.

3 Cert’altre.

4 Non mi persuade.

5 In quanto a lui.

6 Ci avrà forse provato.

7 Noi conosciamo e la buona zia e la buona nipote.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License