Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1314. Un ber gusto romano

 

Tutta la nostra gran zodisfazzione
de noantri1 quannèrimo2 regazzi
era a le case nove e a li palazzi
de sporcajje3 li muri cor carbone.

 

Cqua ddiseggnàmio4 o zziffere5 o ppupazzi,6
o er nodo de Cordiano7 e Ssalamone:8
llà nnummeri9 e ggiucate d’astrazzione,10
o pparolacce, o ffiche uperte e ccazzi.

 

Oppuro11 co un bastone, o un zasso, o un chiodo,
fàmio12 a l’arricciatura quarche sseggno,
fonno in maggnèra13 c’arrivassi ar zodo.14

 

Quelle 15 bbelletà, pper dio de leggno!
Sibbè ccadesso puro16 me la godo,
e ssi17 cc’è mmuro bbianco io je lo sfreggno.18

 

22 giugno 1834

 




1 Noi altri.

2 Quando eravamo.

3 Sporcargli.

4 Disegnavamo.

5 Cifre.

6 Fantocci.

7 Gordiano.

8 Salomone.

9 Per solito vi scrivano i numeri del millesimo corrente.

10 Giuocate: de’ numeri per la estrazione del lotto.

11 Oppure.

12 Facevamo.

13 Profondo in maniera.

14 Che arrivasse al sodo.

15 Sono.

16 Benché adesso pure, ecc.

17 Se.

18 Glielo rovino.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License