Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1316. Er vino e llacqua

 

Io nun pòzzo1 soffrí ttutte ste lite2
c’hanno sempre da Cciocco e Ffreghino,
si3 cche ccosa è ppiú mejjo, o llacqua o ’r vino.
Duparole e ssò4 ssubbito finite.

 

Chi lloda l’acqua, io je direbbe: «Dite:
pe bbeve5 un mezzo6 ve sce 7 un lustrino.8
Pe un bicchier d’acqua poi cor cucchiarino9
v’abbasta un mille-grazzie, e vve n’usscite.

 

Dunque che vvale ppiú? cquella c’allaga
Piazza-Navona10 auffa,11 e cce se ssciacqua
li cojjoni, o cquellantro che sse12 paga?

 

E ffinarmente, a vvoi:13 cqua vve do er pisto.14
Ch’edè,15 ssori cazzacci, er vino o llacqua,
che vve ddiventà ssangue de Cristo?».

 

22 giugno 1834

 




1 Posso.

2 Queste liti.

3 Se.

4 Sono.

5 Per bere.

6 Un mezzo boccale.

7 Vi ci vuole.

8 Mezzo paolo d’argento. Un grosso.

9 Per beffare coloro che al caffè non prendono mai cosa alcuna, si dice che ordinano un bicchiere d’acqua col cucchiarino.

10 Si allude all’allagamento di detta piazza che si fa in ogni sabato e domenica di agosto.

11 Gratis. Vedi nota del Sonetto...

12 Si.

13 A vvoi: quasi: «orsù concludiamo».

14 Qua vi sconfiggo, vi confondo.

15 Che è.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License