Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1317. La caccia der Padre Curato

 

Va’ a ccérca1 com’er frate abbi saputo
der mi traghetto2 co la fía3 d’Ugusto!4
Vàll’a ccapí chi sse sii5 preso gusto
de dàjje6 er grimardello per ajjuto!

 

Io so cche mmentrò in casa muto muto,
e cce comparze7 in de la stanzia, ggiusto
ner mentre ch’io jarillacciavo er busto,
che8 cce fesce stremí,9 ffrate futtuto!

 

Visto che mm’ebbe in quer frangente, er frate,
co un voscion da caggnaccio de mascello,
strillò: «Bbestia bbú e vvia,10 che ccosa fate

 

«Padre curato mio, lei nun ze11 studi
de famme12 spaventà», ddico: «fo cquello
che ppredicate voi. Vesto l’iggnudi».13

 

23 giugno 1834

 




1 Cercare.

2 Della mia tresca.

3 Figlia.

4 Augusto.

5 Si sia.

6 Di dargli.

7 Ci comparve.

8 In guisa che.

9 Ci fece abbrividire.

10 Bestia etcetera: in buona parole, «bestia buggiarona».

11 Non si.

12 Di farmi.

13 La terza opera di misericordia corporale.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License