Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1319. Quinto, perdonà l’offese1

 

Lor antri2 riliggiosi hanno un bon gozzo
pe strillà in chiesa e ppredicà la pasce.
Quanno se3 tratta co ggente incapasce
de capilla, a cche sserve er predicozzo?

 

A mmé ppuro4 la guerra nun me piasce,
e ppe cquesto oggni sempre abbozzo abbozzo.5
Manch’io6 nun pòzzo7 sscèrnele8 nun pòzzo,
stanime uguale a pperziche durasce.9

 

Dove j’ho ffatto poi tutto stinzurto?
J’ho ddetto c’ha una mojje che la venne.10
11 ccose, queste, da pijjasse12 in urto?

 

Voría13 ner caso mio védesce14 un frate.
Lui m’ha in odio: raggione nu l’intenne:
pasce nu la ffà... Ddunque? Stoccate.

 

27 giugno 1834

 




1 La quinta opera di misericordia spirituale.

2 Altri.

3 Si.

4 Pure.

5 Tollero.

6 Nemmeno io.

7 Posso.

8 Patirle.

9 Pèsche duràcine.

10 Vende.

11 Sono.

12 Pigliarsi scambievolmente.

13 Vorrei.

14 Vederci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License