Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1325. La famijja de la sorAghita1

 

Quant’a ffamijja, , stamo2 in famijja;
ma nnò cche Nnanna sii mi’ fijja. Quella
è ffijja de Nunziata mi’ sorella
che vventun anno fa mmorze3 a Scandrijja.4

 

E cquella ggiuvenotta è Ttetarella5
fijja de Nanna, e fijja de la fijja
de Nunziata bbonanima, che ppijja
marito a Ccarnovale. Io zzitella.

 

Io, come ve discevo, sto cco llòro
pe vvia c’una zitella er vive sola
nun c’è all’occhio der Monno er zudecoro.

 

Inzomma, io nun ciò6 ffijji: ecco finito:
perché, dditelo voi, Sora Nicola,
come se7 ponno ssenza marito?

 

24 giugno 1934

 




1 Agata.

2 Stiamo.

3 Morì.

4 Scandriglia, terra nella Sabina, rinomata per l’eccellenza delle sue pèsche.

5 Teresa.

6 Non ci ho, semplicemente: «non ho».

7 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License