Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1329. Er deposito1 der Conte

 

Eccolo cqua! cchi nun ha ffatto un cazzo2
su la terra, e ssi3 ha ffatto ha ffatto male,
vivo, carrozze servitú e ppalazzo:
e mmorto, arme pitaffio e ffunerale!

 

E un padre-de-famijja puntuale
che mmore de fatica e de strapazzo,
passa da le miserie a lo spedale,
e ddar letto a la fossa! oh Mmonno pazzo!

 

Ma er tempo è ggalantomo: e un po’ de marcia
d’un Conte nun ffà ccher zudeposito
o pprima o ppoi nun ze converti in carcia.4

 

Allora, addio bbuscíe,5 titoli e bboria:
e de tanti trofei mal’a pproposito
sparirà dde cquaggiú ffin la memoria.

 

29 giugno 1834

 




1 Mausoleo.

2 Nulla.

3 Se.

4 Non si converta in calce, calcina.

5 Bugie.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License