Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1330. La riliggione spiegata e indifesa1

 

S’io fussi prete o ffrate, e avessi vosce
deggna de ddustrilli a le missione,
e de sputamme un’ala de pormone
in onor de la grolia de la crosce,

 

sfoderería2 ’na predica ferosce
pe spiegà cche la Santa Riliggione
se 3 arissomijjalla a un tavolone
de sceraso, de mògheno4 o de nosce.

 

Tutto sta avé bbon stommico e bbon braccio
da maneggiajje la pianozza5 addosso
e ddajje er lustro a fforza de turaccio.

 

E siccome a le vorte ssuccede6
d’imbatte7 in quarche nnodo un po’ ppiú ggrosso,
sciarimedia8 lo stucco de la fede.

 

11 ottobre 1834

 




1 Abbiamo qui un secondo Alessandro Tassoni, mutatis mutandis.

2 Sfodererei.

3 Si può.

4 Il legno mahogoni, che da qualche nostro concittadino ho udito chiamare anche Morghen, facendolo parente del famoso calcografo.

5 Pialla.

6 Succedere.

7 D’imbattere.

8 Ci rimedia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License