Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1332. L’ottobbre der 34

 

La gran raggione, e vve ne do le prove,
ch’er ber1 tempo d’istate ancora dura,
è pperché er Papa sta in villeggiatura
a mmette2 in corzo le su’ doppie nove.

 

Vederete c’appena s’arimove3
pe ttornà a Rroma in abbito e ttonzura,
darà lliscenza a la Madre Natura
de subbissacce4 a ttutti, e ffarà ppiove.5

 

Che ffa cche li mercanti de campaggna
inzeppino collètte in de le messe?
Tanto, o ppiove o nun piove, er Papa maggna.

 

E cquanno maggna er Papa, oh ccazzo poi
me pare un’inzolenza stinterresse
de chiede6 l’acqua a Ddio pe mmaggnà nnoi.

 

15 ottobre 1834

 




1 Bel.

2 Mettere.

3 Si rimove.

4 Subbissarci.

5 Piovere.

6 Di chiedere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License