Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1333. Er capo invisibbile1 de la cchiesa

 

Che ddanno fa la caristìa, Sor Gui,
oggniquarvorta er zanto Padre è ssazzio?
A l’abbonnanza chi cce mette er dazzio?
Nun è llui capo e nnoi li membri sui?

 

Fatt’è ccher zor Orazzio e ttoperazzio
da lui sempre arincípieta:2 per cui
quanno er pane che cc’è, bbasta pe llui,
bbast’a ttutti e Ssiggnore v’aringrazzio.

 

La Santa Cchiesa è ccome er corpumano.
Ha la testa, la bbocca, er gargarozzo,3
li su’ piedi, er zutorzo e le su’ mano.

 

Io lo provo in me stesso er paragone,
e sso cche cquanno la mi’ testa ha er tozzo,4
le gamme5 mie sverte6 e ccontentone.

 

15 ottobre 1834

 




1 Visibile.

2 «...Ut cuncta nostra oratio et operatio a Te semper incipiat...».

3 Gola.

4 Avere il tozzo, cioè: «quanto basta per vivere».

5 Gambe.

6 Sono svelte.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License