Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1335. Er cardinal camannolese

 

Quer bon zervo de Ddio c’ha la figura
d’un vesscigon de strutto inzanguinato
o un zacco de farina siggillato
co la scera de Spaggna all’upertura;

 

inzomma quer zor Prascido1 garbato,
che ssenza avé ddormito in prelatura
sartò2 er convento e sse3 trovò addrittura
ar penurtimo zompo4 der Papato,

 

vonno che in grazzia de li sei fiaschetti
che sse succhia5 oggni ggiorno da uniscianni6
come bbeveratori d’uscelletti,

 

sii morto d’accidente a l’improviso.
E ssi7 ffussi bbuscía?8 Dio jje ne manni9
pe ccressce10 un antro Santo in paradiso.

 

17 ottobre 1834

 




1 Placido Zurla.

2 Saltò

3 Si.

4 Salto.

5 Si succia.

6 Da undici anni. Ebbe il cappello da Pio vii, il 16 maggio 1823.

7 Se.

8 Bugia.

9 Gliene mandi.

10 Per crescere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License