Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1336. Er cardinal camannolese

 

, amichi, finarmente stammatina
s’è sparza la staffetta da per tutto
che ss’è vvotato er zacco de farina,
che ss’è squajjato er vesscigon de strutto.

 

Grigorio piaggne, e vvò apparasse1 a llutto
pe ffàjje2 un funerale a la Sistina;
bbecche3 la Morte pe sto caso bbrutto
s’avería4 da bbascià ddove cammina.

 

Un po’ ppiú cche ccampava er Cardinale,
er vino che sse5 trova a sto paese
nun arrivava manco a ccarnovale.

 

Io Papa ordinería6 che ttutt’un mese
se cantassi7 er Tedèo pe ffunerale
der quonnam Cardinal Camannolese.8

 

3 novembre 1834

 




1 Vuol pararsi.

2 Per fargli.

3 Benché.

4 Si avrebbe.

5 Si.

6 Ordinerei.

7 Si cantasse.

8 Morì in Sicilia il 29 ottobre 1834.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License