Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1340. La bbellezza

 

Che ggran dono de Ddio ch’è la bbellezza!
Sopra de li quadrini hai da tenella:1


pe vvia2 che la ricchezza nun cquella,
e cco cquella s’acquista la ricchezza.

 

Una cchiesa, una vacca, una zitella,
si3 è bbrutta nun ze4 guarda e sse disprezza:
e Ddio stesso, ch’è un pozzo de saviezza,
la madre che ppijjò la vorze5 bbella.

 

La bbellezza nun trova porte chiuse:
tutti je fanno l’occhi dorci; e ttutti
vedeno er torto in lei doppo le scuse.

 

Guardàmo li gattini, amico caro.
Li ppiú bbelli s’alleveno: e li bbrutti?
E li poveri bbrutti ar monnezzaro.6

 

20 ottobre 1834

 




1 Tenerla.

2 Per motivo.

3 Se.

4 Si.

5 Volle.

6 Immondezzaio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License