Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1341. La golaccia1

 

Quann’io vedo la ggente de sto Monno,
che ppiú ammucchia tesori e ppiú ssingrassa,
piú2 ha ffame de ricchezze, e vvò una cassa
compaggna ar mare, che nun abbi fonno,

 

dico: oh mmandra de scechi,3 ammassa, ammassa,
sturba li ggiorni tui, pèrdesce4 er zonno,5
trafica, impiccia: eppoi? Viè ssiggnor Nonno
cor farcione6 e tte stronca la matassa.7

 

La morte sta anniscosta8 in ne l’orloggi;
e ggnisuno ddí:9 ddomani ancora
sentirò bbatte10 er mezzoggiorno d’oggi.

 

Cosa fa er pellegrino poverello
ne l’intraprenne11 un viaggio de quarcora?
Porta un pezzo de pane, e abbasta quello.

 

27 ottobre 1834

 




1 L’avidità.

2 Che, quanto più ammucchia tesori e s’ingrassa, tanto più, ecc.

3 Ciechi.

4 Pèrdici.

5 Il sonno.

6 Col falcione.

7 Tutti i progetti, i disegni, ecc.

8 Nascosta.

9 Nessuno può dire.

10 Battere.

11 Nell’intraprendere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License